USA, in Texas una mamma uccide e decapita il figlio
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
USA, mamma uccide e decapita il figlio
Esteri

USA, mamma uccide e decapita il figlio

In Texas, USA, una mamma uccide il figlio di soli 5 anni annegandolo, per poi decapitarne il corpo e lasciarlo in un bidone dell'immondizia di casa

Lihui Liu, donna di origine cinese residente negli States, ha ucciso il figlio di soli cinque anni annegandolo nella vasca, per poi decapitarlo. La donna ha poi cercato di disfarsi del cadavere lasciandolo nel bidone della spazzatura della propria abitazione di Houston, in Texas. A fare la terribile scoperta il padre del piccolo, Kai Xu. Padre che rientrato a casa e non trovando il bambino, ha iniziato a cercarlo, trovandolo infine dove la madre lo aveva lasciato. Ed è stato il padre a chiamare gli agenti, e ad indicare il nome della madre come possibile autrice dell’efferato delitto.

Ai poliziotti Kai Xu ha raccontato di aver lasciato moglie e figlio per andare al lavoro come tutti gli altri giorni. Ma, al suo rientro, di non aver più trovato traccia del piccolo.

Il ritrovamento del corpo

Chieste spiegazioni alla moglie, lei gli avrebbe raccontato che lo aveva cacciato di casa. Ma insospettito dal comportamento della compagna, Xu si sarebbe messo a cercare il figlio per tutta la casa.

Finché non ha fatto il macabro ritrovamento. L’uomo ha trovato il corpo del piccolo avvolto in un telo di plastica nera. Mentre la testa era conservata a parte in una scatola.

Gli agenti hanno in seguito ritrovato tracce di sangue su un coltello da cucina dell’abitazione, e altre tracce di sangue nella vasca da bagno. La donna ha subito confessato di aver annegato il bambino, ma non ha voluto spiegare il gesto della decapitazione. Un raptus omicida che le è costato una accusa di omicidio, che in Texas può portare alla pena capitale. Texas che solo pochi giorni fa aveva dovuto affrontare una altro terribile omicidio parentale.

Il marito racconta però di come la donna soffrisse da tempo di una forte depressione, che la aveva anche recentemente portata ad un tentativo di suicidio. Le erano state anche prescritte delle cure farmacologiche, che lei si rifiutava però di seguire. Una condizione psicologica di forte disagio, che avevano spinto l’uomo a farle passare un periodo di tempo con i genitori in Cina.

Ma al suo ritorno la aveva trovata peggiorata. Oltretutto con i capelli – a cui lei era molto affezionata – che le erano stati tagliati corti.

“Ha sempre amato il piccolo”, racconta ora il padre tra le lacrime. “Ecco perchè lo avevo lasciato con lei, speravo che passare del tempo con i figli potesse esserle d’aiuto”. Ma ora, visto il tragico evolvere della malattia, Kay Xu dice di sentirsi in colpa. “Mi sento responsabile di aver lasciato il mio piccolo da solo con lei”, ha infatti affermato l’uomo, che rischia ora anche di vedere mandata a morte la moglie.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche