USA, morto a 4 mesi tra le braccia della sorella eroinomane
Esteri

USA, morto a 4 mesi tra le braccia della sorella eroinomane

Un bimbo di soli 4 mesi è morto in un albergo tra le braccia della sorellastra e della sua compagna, entrambe trovate in possesso di eorina

Muore a soli quattro mesi nella hall di un albergo, tra le braccia della sorellastra e della sua compagna. Entrambe le donne, che sono state trovate dalla polizia in un evidente stato confusionale indotto dall’abuso di alcool, e dall’uso di eroina, sono state messe agli arresti. É stato un impiegato dell’albergo a notare per primo la presenza delle due ragazze nella hall. La sorellastra del bambino deceduto, una 24enne, e la sua compagna, una ragazza di 26 anni.

Morto tra le bracia della sorellastra

Era all’incirca l’una di notte quando l’uomo ha visto le due giovani aggirarsi senza apparente meta per l’atrio dell’hotel, situato lungo la settima strada vicino alla 33esima West Street. Insospettito dall’atteggiamento delle due, ha notato che il bambino in braccio ad una di loro, neonato di soli quattro mesi, non rispondeva a nessuno stimolo. Immediatamente chiamati i soccorsi, nel giro di pochi minuti gli uomini del 911 sono arrivati sul posto.

Ma nonostante la corsa in ospedale, per il piccolo non c’è stato niente da fare. E i medici non hanno potuto che costatarne il decesso.

Le due donne non risultavano alloggiare presso la struttura alberghiera, e stavano probabilmente cercando di prendere una stanza in cui passare la notte e smaltire gli effetti della sbornia. Entrambe sono infatti risultate in un pesante stato confusionale dovuto all’abuso di alcool e di droga.

Atteso il riscontro del medico legale

Spetterà ora agli investigatori e al medico legale stabilire le cause che hanno portato alla morte del piccolo, e una volta accertate dinamica e responsabilità del decesso, procedere con le accuse. Per il momento però, in attesa degli esiti dell’autopsia, la polizia ha dovuto rimettere le due donne in libertà.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche