×

Orfanotrofio nel Vermont, “Ho visto suore uccidere bambini”

Condividi su Facebook

Dopo varie inchieste di molti giornali americani finalmente la verità sull'Orfanotrofio St. Joseph è venuta alla luce. Molestie, abusi e omicidi.

Un’agghiacciante storia di abusi su bambini arriva direttamente dagli Stati Uniti. Secondo molti testimoni infatti in un orfanotrofio della città accadevano macabri avvenimenti. L’orfanotrofio in questione è il St. Joseph’s Orphanage, a Burlington, nello stato statunitense del Vermont.

Stando agli archivi della cittadina la struttura, in attività dagli anni ’30 fu definitivamente chiusa nel 1974, per tutto il periodo il centro fu guidato da un gruppo di suore che all’interno del centro si occupavano di tutto. Dalla burocrazia, alla cucina alle pulizie. Diversi giornali americani hanno tentato di raccontare la storia di questo orfanotrofio. Buzzfeed, giornale online statunitense, in un’inchiesta del 2018 ha tentato di spiegare ciò che molti ragazzi ospiti della struttura durante il soggiorno hanno sofferto.

Si parla anche, in alcuni casi, di omicidi.

Maltrattamenti ed omicidi

Sally Dale, una donna che dai due anni fino ai ventitré è stata ospite dell’orfanotrofio, è la principale testimone delle vicende. La polizia dopo il suo primo annuncio ha ascoltato la donna per un totale di 19 ore di deposizione che hanno permesso alle indagini di trovare una valida pista per ricostruire la storia di questo luogo. Gli episodi più incredibili riguarderebbero anche degli omicidi, secondo la donna infatti nel ’44 quando la donna aveva 6 anni avrebbe visto una suora lanciare dalla finestra un bambino.

L’attenzione della donna sarebbe stata attirata da un rumore di vetri infranti. Dopo essersi girata la donna ha riportato di aver visto un bambino precipitare da una finestra e cadere al suolo e, dietro i vetri infranti, una suora con le braccia ancora alzate.

Sally ricorda inoltre che subito dopo l’accaduto una suora la portò via, dicendole che si era appena immaginata tutto. Allo stesso modo disse che qualche anno dopo vide un’altra suora gettare nelle acque del lago un bambino.

Il piccolo, stando alle testimonianze di Sally, non sarebbe più riuscito a risalire.

Dopo la testimonianza della donna, morta l’anno scorso, moltissimi ex bambini dell’orfanotrofio hanno trovato la forza per descrivere gli abusi e i maltrattamenti che erano costretti a subire all’interno della struttura. Stando alla testimonianze di alcuni, molti ragazzi subivano continuamente punizioni fisiche, altri invece sarebbero stati costretti ad umiliazioni, ad esempio a mangiare vomito o escrementi ed infine, alcuni parlano di abusi sessuali da parte delle suore.

Da molto tempo il terreno dove è sorto l’orfanotrofio è stato venduto ed ora, dove un tempo venivano compiute queste terribili azioni sorge un complesso residenziale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.