×

UK, genitori costretti a portare in spalla figlio disabile

Il comune scozzese nega gli aiuti necessari alla famiglia. Genitori costretti a trasportare in spalla su e giù dalle scale il figlio disabile.

UK, genitori costretti a portare in spalla figlio disabile
UK, genitori costretti a portare in spalla figlio disabile

Reece Rogerson ha sette anni e vive nel North Lanarkshire, in Scozia; è affetto dalla nascita da una paralisi cerebrale e una carenza di idrocortisone che lo costringe a vivere in sedia a rotelle. Ha bisogno di assistenza continua: ventiquattr’ore su ventiquattro.

Stando a quanto raccontano i genitori e i fratelli del bambino, il comune in cui abita la famiglia Rogerson non ha accordato a Reece i fondi necessari per rendere la casa in cui abita accessibile ai disabili. I genitori del bambino, che pesa già 50 Kg, sono quindi costretti a portare Reece Rogerson in spalla su e giù dalle scale quotidianamente. La sorella maggiore di Reece ha diffuso tramite Facbook un video della madre, Mary, mentre solleva e trasporta affaticata il figlio fuori da casa.

Costretti a trasportare in spalla il figlio disabile

I genitori di Reece, Mary e Gary Rogerson, hanno raccontato che il North Lanarkshire Council si è offerto di pagare seimila sterline per i lavori di ristrutturazione. Sembra tuttavia che la famiglia abbia già pagato di tasca propria circa ventimila sterline per rendere la casa più accessibile al figlio. Mancano i soldi per il montascale che eviterebbe a Mary e Gary di portare in spalla Reece su e giù per le scale.

L’unica soluzione è che il Consiglio paghi i lavori o che ci trovi una casa adatta. […] Io e Mary stiamo diventando più anziani. Con la crescita di Reece e invecchiando sarà più difficile prendersi cura di lui senza le strutture adeguate di cui ha bisogno. Dobbiamo sapere che andrà tutto bene” ha dichiarato Gary Rogerson.

Io e Gary abbiamo comprato questa casa dal consiglio nel 1999, ma non sapevamo che Reece sarebbe nato così.

Poiché la nostra casa non era adatta alle sue esigenze ci siamo trasferiti in una proprietà in affitto quattro anni fa e ci è stato riferito che sarebbero stati effettuati i lavori per venire incontro ai suoi problemi. Questo significava che avremmo potuto venduto la nostra casa e vivere lì. Ma ci sono stati ritardi dopo ritardi e abbiamo pagato l’affitto, un mutuo e una doppia tassa comunale per una proprietà vuota” ha raccontato Mary Rogerson.

Sembra però che il North Lanarkshire Council abbia offerto montascale e un’assistenza domiciliare finanziata, ma tale proposta non è stata presa in considerazione dalla famiglia. “Comprendiamo che ciò è frustrante per tutti i soggetti coinvolti, ma siamo costantemente impegnati con la famiglia per trovare una soluzione a lungo termine e continueremo a suggerire tutte le opzioni disponibili” ha dichiarato un portavoce.

Contents.media
Ultima ora