Cina, vende rene per un Iphone: ora costretto in dialisi 24 ore su 24
Cina, vende rene per un Iphone: ora costretto in dialisi 24 ore su 24
Esteri

Cina, vende rene per un Iphone: ora costretto in dialisi 24 ore su 24

Vende un rene per comperarsi l'Iphone, ma ora è costretto a vivere in dialisi 24 ore al giorno. La storia di Xiao Wang, giovane cinese ora disabile.

Una storia che nel corso del 2011 aveva fatto il giro del mondo, quella di Xiao Wang, giovane ragazzo cinese che non avendo abbastanza soldi per comprarsi Iphone e Ipad nuovi, aveva messo in vendita un rene pur di poterli acquistare. Il giovane, all’epoca solo 17enne, aveva mantenuto la sua decisione nascosta ai genitori, pubblicando su internet l’annuncio. Riuscendo nel giro di poco, attraverso l’intervento di alcuni intermediari, nel suo tragico intento. Trovando un acquirente disposto a pagare l’equivalente di 2.600 Euro per l’organo nuovo.

Una vicenda che, venuta alla luce, aveva portato all‘arresto di nove persone, tra le quali il medico che aveva condotto l’intervento. A scoprire tutto la madre del ragazzo, che aveva visto rapidamente peggiorare le condizioni di salute del figlio fin dai primi giorni successivi all’operazione. Che, condotta in un ospedale illegale situato nella città di Chenzou, per giunta in un ambiente non idoneamente sterilizzato, difficilmente poteva avere buon esito.

Gravi conseguenze sulla salute del giovane

Una vicenda che, purtroppo, è costata molto al suo protagonista.

A distanza di otto anni dall’intervento, Xiao è infatti ridotto in condizioni di salute precarie. Colpito da una grave insufficienza renale già pochi mesi dopo l’operazione, il ragazzo è ora costretto a letto, attaccato ad una macchina per la dialisi, e bisognoso di assistenza 24 ore al giorno.

In carcere il medico e gli intermediari, a cui la giustizia cinese ha comminato pene che vanno dai 3 ai 5 anni di reclusione. AI genitori del ragazzo, che si era sottoposto all’intervento senza il consenso dei genitori, il tribunale ha riconosciuto un risarcimento equivalente a circa 170.000 Euro.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche