Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Fanno coming out a 11 anni e poi si suicidano. Forse vittime dei bulli
Esteri

Fanno coming out a 11 anni e poi si suicidano. Forse vittime dei bulli

suicidio

Negli USA Sophia e Madissen si sono tolte la vita a 11 anni. Le due ragazzine avevano rivelato di essere gay. Forse sono state vittime di bullismo.

I genitori di due ragazzine di 11 anni credono che le loro figlie si siano suicidate perché vittime di bullismo dopo il loro coming out. Madissen si è sparata nel dicembre 2017 con la pistola del padre a Devil’s Lake, in North Dakota. Appena due mesi dopo l’amica Sophia fu trovata impiccata nella casa di famiglia.

Scoprono di essere gay a 11 anni

I genitori di Sophia e Madissen hanno raccontato al Mail Online che le loro figlie poco tempo prima si erano confidate con loro riguardo la propria sessualità. “Sophia mi ha chiesto se poteva parlare con me, le ho detto che poteva parlarmi di qualsiasi cosa, di non avere mai paura di parlarmi” ricorda la mamma. A quel punto la ragazzina ha confessato: “Penso che mi piacciono le ragazze“. “Io le dissi che andava bene. Se lei e Madissen provavano sentimenti l’una per l’altra per me non ci sarebbero stati problemi, fa parte della vita e avrei amato comunque mia figlia” sottolinea la donna.

Anche il padre di Madissen assicura: “Mia figlia ha messo in dubbio la sua identità, ma non mi importava se si era innamorata di una ragazza o di un ragazzo”.

L’incubo è iniziato il 1 dicembre 2017. Il papà di Madissen ricorda che era in casa con la figlia e di essersi addormentato non immaginando mai che cosa sarebbe accaduto da lì a poche ore. L’uomo si svegliò udendo un colpo di pistola.

Madissen aveva sottratto le chiavi della cassaforte e si era sparata. Quando Sophia ha scoperto quando successo, ha pianto per giorni. “Non voleva più andare a scuola perché aveva paura di quello che i compagni avrebbero detto” sottolinea la mamma. Due mesi dopo la prima tragedia, l’11enne si è impiccata nel seminterrato di casa.

Alla ricerca di indizi

Ora i genitori stanno cercando indizi sui computer delle due ragazze, convinti del fatto che il bullismo possa essere stata la vera causa di quanto accaduto. Il padre di Madissen sostiene: “C’è un problema reale nella scuola che frequentavano, perché so che il bullismo esiste e che la gente guarda dall’altra parte”.

Il sovrintendente della Devil’s Lake Public Schools ha chiarito però che non è intenzionato a commentare le vicenda.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche