Cina, crollo nella miniera di carbone: 21 operai morti sotto le macerie
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Cina, crollo nella miniera di carbone: 21 operai morti
Esteri

Cina, crollo nella miniera di carbone: 21 operai morti

crollo miniera cina

L'incidente nel cuore della cintura di estrazione mineraria cinese. 21 le vittime accertate, altri 66 gli operai tratti in salvo.

Ventuno morti è al momento il bilancio delle vittime del tragico incidente avvenuto in una miniera di carbone nel nord della Cina. Stando a quanto ricostruito dai media di Stato cinesi, una parte della miniera sarebbe crollata mentre gli operai erano al lavoro. La frana non avrebbe lasciato scampo a 21 degli uomini che si trovavano al suo interno. Secondo quanto riferito dalla tv di Stato e l’agenzia di stampa Xinhua, riporta Ansa, l’incidente è avvenuto a Shenmu, nella provincia dello Shaanxi, cuore della cintura di estrazione del carbone del Paese. Altri 66 minatori sono stati tratti in salvo, avrebbe reso noto il governo della città in una dichiarazione.

Sepolti vivi: 375 vittime nel 2018

Sebbene il numero di vittime a causa di esplosioni e altri disastri nelle miniere di carbone in Cina sia drasticamente diminuito nel corso degli ultimi dieci anni, quella dell’estrazione mineraria di combustibile fossile resta in assoluto l’attività industriale con il più alto tasso di mortalità.

Oltre 350 s0no i morti per crolli e altri incidenti nelle miniere di carbone in Cina nel solo 2018, come riporta il quotidiano di notizie online Cronachedi: gli ultimi sette morti registrati in dicembre, a causa di in un crollo in una miniera nel sud ovest del Paese. Cifre in calo (di circa il 28% rispetto al 2017) che continuano a destare preoccupazione: “Le condizioni di sicurezza negli impianti di estrazione sono ancora pessime, la situazione è cupa” avrebbe affermato il dirigente del dipartimento. Una situazione diffusa soprattutto negli impianti privati, che tendono a non rispettare le più basilari norme di sicurezza.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche