Polonia, morto il sindaco di Danzica accoltellato ad un concerto
Polonia, morto il sindaco di Danzica accoltellato ad un concerto
Esteri

Polonia, morto il sindaco di Danzica accoltellato ad un concerto

Pawel Adamowicz

E' morto Pawel Adamowicz, il sindaco di Danzica (Polonia) accoltellato a un concerto da un 27enne. L'attentatore potrebbe avere disturbi mentali.

Non ce l’ha fatta Pawel Adamowicz, il sindaco di Danzica accoltellato la sera di domenica 13 gennaio 2019 durante un concerto di beneficenza, di fronte a migliaia di persone. Il 53enne era un esponente di spicco dell’opposizione al governo nazionalconservatore polacco guidato da Jaroslaw Kaczynski. Dopo l’aggressione l’uomo era stato trasportato d’urgenza in ospedale e sottoposto ad una delicata operazione durata cinque ore. Il presidente polacco Andrzej Duda aveva dichiarato che i medici erano “riusciti a rianimare Adaomowicz” e che quindi c’era “speranza” anche se le sue condizioni rimanevano “molto serie”. Nella mattinata di lunedì 14 gennaio il suo cuore però ha smesso di battere.

L’aggressione

I primi ad essere informati della notizia le centinaia di cittadini di Danzica che si erano messi infila davanti all’ospedale per donare il sangue, un gesto di solidarietà e vicinanza al loro sindaco. La tragedia è avvenuta durante il concerto della raccolta nazionale di fondi organizzata dalla fondazione Wosp (Grande orchestra caritatevole di Natale).

Quando Pawel Adamowicz è salito sul palco un uomo, che poi si è scoperto essere riuscito ad intrufolarsi con un pass stampa, gli si è avventato contro accoltellando più volte il sindaco al grido “Adamowicz è morto”.

Identificato come autore dell’omicidio è il 27enne Stefan W.. Stando a quanto riporta repubblica.it, l’uomo in passato avrebbe sofferto di disturbi mentali.

Il giovane era appena uscito dal carcere e, una volta interrogato dopo l’arresto, avrebbe sostenuto di essersi vendicato per essere stato richiuso da innocente negli anni in cui l’ex partito di Adamowicz, Piattaforma civica, era al potere, tra il 2007 e il 2015.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche