Gaza, tre Carabinieri assediati dai miliziani di Hamas in sede ONU
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Gaza, Carabinieri assediati da miliziani di Hamas fuggono in sede ONU
Esteri

Gaza, Carabinieri assediati da miliziani di Hamas fuggono in sede ONU

carabinieri hamas

Tre Carabinieri del Nucleo Scorte del consolato di Gerusalemme sarebbero assediati dai guerriglieri di Hamas in una struttura Onu. La Difesa conferma.

Tre Carabinieri appartenenti al nucleo scorte del consolato italiano a Gerusalemme sarebbero ormai da alcuni giorni assediati dalla polizia di Hamas. Gli uomini sarebbero bloccati in una sede dell’Onu situata nella enclave palestinese di Gaza. Stando alle informazioni emerse finora, gli uomini presterebbero servizio presso la sede diplomatica italiana, che si occupa del mantenimento dei rapporti con l’autorità palestinese in Cisgiordania e a Gaza.

Notizia confermata dalla Difesa

La notizia viene confermata dal Ministero degli Esteri e da quello della Difesa. Entrambi fanno infatti sapere di avere appreso, attraverso un comunicato della radio militare israeliana, che i miliziani islamisti hanno “Dubbi sull’identità degli uomini coinvolti. E sospettano che gli italiani siano in realtà delle forze speciali israeliane sotto mentite spoglie”.

Sempre secondo le informazioni diffuse via radio, i Carabinieri “Sono stati inviati in missione dal consolato italiano a Gerusalemme. E mentre erano a Gaza si sono rifiutati di fermarsi ad un posto di blocco di Hamas, trovando poi rifugio nella sede dell’Onu”.

Inseguimento iniziato ad un posto di blocco

Stando a quanto diffuso da fonti vicine ai miliziani del Movimento Islamico di Resistenza citate dal quotidiano La Repubblica, l’auto con a bordo i militari non si sarebbe fermata ad un posto di blocco a Gaza, ingaggiando un inseguimento durante il quale si è anche fatto ampio uso di armi da fuoco.

Stando a quanto si apprende dal Jerusalem Post, l’ambasciatore italiano in Israele Gianluigi Benedetti avrebbe incontrato uno dei leader di Hamas, Ismail Haniyeh, proprio per trattare con lui la liberazione dei militari tenuti in ostaggio.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche