UK, bambino ucciso dal patrigno: schiacciato col sedile per punizione
UK, bambino ucciso dal patrigno: schiacciato col sedile per punizione
Esteri

UK, bambino ucciso dal patrigno: schiacciato col sedile per punizione

UK, bambino ucciso in auto dal patrigno
UK, bambino ucciso in auto dal patrigno

Un bambino di 3 anni è morto per asfissia, deliberatamente schiacciato dal patrigno con il sedile dell'auto. L'uomo è indagato per omicidio colposo.

Alfie Lamb, un bambino di 3 anni residente alla periferia di Londra, è morto sull’Audi del suo patrigno, schiacciato con violenza da un sedile. Il bimbo stava giocando sul sedile posteriore dell’auto. L’uomo, il 25enne Stephen Waterson, infastidito dai suoni emessi dal piccolo durante i giochi, ha deliberatamente spinto indietro il sedile anteriore per colpirlo. Alfie ha subito gravissime lesioni che lo hanno portato al decesso. Waterson è accusato di omicidio colposo. Indagata anche la madre del bambino, Adrian Hoare, 23 anni.

Alfie Lamb

Bambino ucciso in auto dal patrigno

La magistratura londinese ha aperto un’inchiesta, coordinata dal procuratore Duncan Atkinson che ha incaricato un perito di effettuare i rilievi sull’auto e ricostruire la dinamica dell’incidente. Secondo quanto dichiarato dal medico legale in seguito all’autopsia, il bimbo è morto “per asfissia da schiacciamento. La morte è stata causata dal sedile del passeggero anteriore dell’Audi, quello su cui era seduto Waterson, che è stato spostato indietro con l’intento di schiacciare il bambino”.

Atkinson ha dichiarato che “il deliberato movimento del sedile” da parte del patrigno di Alfie è stato “effettuato non una sola volta, ma due“. Dopo il primo colpo “Waterson ha deciso di riportare avanti il sedile perché era ovvio che il movimento rendeva difficile la respirazione del bambino. Ma quando Alfie ha ricominciato a fare rumore, Waterson ha spostato indietro il suo sedile di nuovo e lo ha mantenuto in quella posizione, schiacciando il bambino”.

Alla guida dell’auto c’era la madre, che secondo le prime ricostruzioni non avrebbe fatto nulla per impedire la tragedia. L’episodio risale al 1 febbraio 2018. Quel giorno, la madre ha chiamato i soccorritori raccontando loro: “Siamo saliti sul taxi e abbiamo messo il bambino sul seggiolino. Abbiamo provato a svegliarlo ma non ha ripreso conoscenza”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2076 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.