×

Bimbo caduto nel pozzo: le prime immagini all’interno

Il pozzo dove è caduto Julen è ostruito da una mini frana. E' per questo che né la telecamera né i soccoritori possono raggiungerlo.

bimbo pozzo

Dalla Spagna arrivano le prime immagini della piccola telecamera che ha provato a raggiungere Julen Rosello, il bambino di due anni e mezzo precipitato nel primo pomeriggio di domenica 13 gennaio 2019 in un pozzo di prospezione largo 25 centimetri e profondo 110 metri. Il drammatico incidente è avvenuto in un terreno di proprietà di un familiare a Sierra di Totalan, vicino Malaga.

Una frana nel pozzo

Come si vede dalle immagini, la telecamera mostra quanto è stretto, profondo e scuro il pozzo dove è caduto il bimbo. Ad una sessantina di metri, però, la telecamera non può proseguire il suo viaggio. A quell’altezza, infatti, il pozzo è intasato da detriti e pietre. I soccorritori ipotizzano che questa otturazione sia stata causata da una mini frana avvenuta poco dopo il passaggio del bambino.

Non sembrano però esserci dubbi sul fatto che Julen sia precipitato nel pozzo.

Ad assistere alla caduta il padre e il cugino. Il piccolo si era messo a correre mentre il genitore stava raccogliendo della legna da ardere. Sopra lo strato di terra che occlude il pozzo è stata trovata anche il sacchetto dei dolcetti che Julen aveva nelle sue mani quando è scomparso. Ritrovati inoltre alcuni capelli che gli analisti hanno confermato essere del bimbo.

Julen non può respirare?

Se il pozzo è stato ostruito da una frana, il piccolo Julen è rimasto quindi sepolto vivo? In realtà gli speleologi assicurano che “la conformazione delle rocce sotterranee fa sì che l’aria circoli anche in profondità, quindi il bimbo potrebbe respirare senza problemi”. I soccorritori sono però ottimisti riguardo al fatto che il bambino possa essere ancora in vita, sempre che abbia accesso ad un po’ d’acqua, anche se ormai sono passati cinque giorni dall’incidente.

Le squadre sono al lavoro per realizzare un tunnel orizzontale profondo tanto quanto il punto in cui si ipotizza possa essere Julen, da raggiungere poi scavando a mano in senso orizzontale.

La Spagna assiste scioccata, pregando tutta affinché si compia un miracolo.

Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.


Contatti:

Contatti:
Paola Marras

Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.

Leggi anche