Mamma tossicodipendente: il video choc | Notizie.it
Mamma tossicodipendente: il video choc
Esteri

Mamma tossicodipendente: il video choc

ecstasy

Un video girato dal figlio mostra chiaramente la madre in evidente stato confusionale. Probabilmente la donna era sotto l'effetto di stupefacenti.

La madre sale in auto dove il figlio la sta aspettando, ma appare subito evidente che la donna non è nelle condizioni di poter guidare. La donna è probabilmente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Le immagini sono drammatiche, e dietro la videocamera ci sarebbe proprio il figlioletto della donna.

Il video choc

Il bambino ha ripreso la madre sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. “Mamma sei pronta?” chiede il bambino alla madre. La donna risponde in maniera molto confusa di essere pronta per partire e si fa porgere le chiavi. La madre però lascia cadere le chiavi più volte non riuscendo nemmeno a infilarle nella fessura. Il figlio chiede più volte alla madre se vada tutto bene, ma la madre sembra dire, non riuscendo a parlare in modo chiaro, di essere solo molto stanca.

Madri tossicodipendenti: i casi

Sono tanti i casi registrati dalla cronaca, di madri tossicodipendenti che spesso mettono in pericolo la vita dei loro bambini a causa del proprio problema con la droga.

E’ drammatica la ricorrenza di questi casi anche in Italia. Ad agosto 2018, a Milano, una madre è stata fermata mentre si aggirava per strada, in visibile agitazione, con in braccio un bambino. Mamma e figlio sono stati accompagnati in ospedale e i controlli hanno permesso di scoprire tracce di cocaina nel sangue del piccolo. Probabilmente la sostanza stupefacente è stata assunta tramite l’allattamento. La donna è stata denunciata, mentre il bambino è stato affidato a una comunità.

In Sicilia, a pagarne le conseguenze è stato invece un bambino di 15 mesi, ricoverato in ospedale a causa di un’intossicazione da droga. Il piccolo era accidentalmente venuto a contatto con le sostanze appartenenti alla madre e al suo compagno.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche