×

Cina, giallo sulle esplosioni al centro commerciale: un morto

Non è chiaro chi ci sia dietro le esplosioni al Wanda Shopping Plaza di Changchun. Ordigni sono stati fatti esplodere fuori e dentro l'edificio.

esplosione Cina

Una serie di esplosioni ha sconvolto la città di Changchun, in Cina. Diversi ordigni sono esplosi all’interno e nei pressi del Wanda Shopping Plaza, famoso centro commerciale. Le autorità escludono l’attentato terroristico e assicurano che viene battuta solo la pista della criminalità comune.

Misteriose esplosioni

Sono ancora frammentarie e non totalmente verificate le informazioni sulle esplosioni avvenute poco dopo le ore 15 (le 8 in Italia) al Wanda Plaza Apartment Building di Changchun, nella provincia nordorientale di Jilin, in Cina. Stando alle prime ricostruzioni, i vigili del fuoco di Changchun hanno confermato di aver ricevuto una chiamata alle 15:13 circa, dopo l’esplosione di un’automobile nel seminterrato dell’edificio che ospita il Wanda Shopping Plaza, un grande centro commerciale.

Tre minuti dopo, c’è stata poi un’ esplosione in una stanza situata al trentesimo piano dello stesso palazzo. In realtà in tutto ci sarebbero state almeno una ventina di esplosioni. Alcuni video pubblicati sui social, la cui autenticità non è stata però ancora confermata da fonti indipendenti, mostrano per esempio esplosioni in strada.

In base a quanto riferito da FranceNews24, SPAInews e CNW questi scoppi, che hanno messo in fuga decine di persone, sarebbero stati provocati da un uomo che lanciava degli ordigni.

Le persone all’interno del centro commerciale sono state fatte tutte evacuare.

La pista della criminalità comune

Il bilancio delle vittime è di almeno un morto (un uomo è stato trovato privo di vita nell’appartamento al trentesimo piano dove è avvenuta un’esplosione) e di un ferito, ma possibile che il numero sia destinato a salire nel corso delle ore. Per il momento le autorità locali escludono che si sia trattato di un atto terroristico, e assicurando di seguire la pista della criminalità comune.

Contents.media
Ultima ora