Ragazza scomparsa nel nulla, trovata morta in una valigia
Usa, ragazza scomparsa nel nulla: trovata morta in una valigia
Esteri

Usa, ragazza scomparsa nel nulla: trovata morta in una valigia

valerie reyes

Una giovane era scomparsa da circa una settimana, quando è stata ritrovata morta all'interno di una valigia. Aveva mani e piedi legati.

Valerie Reyes, una ragazza statunitense, è stata ritrovata morta all’interno di una valigia rossa lasciata lungo una strada di Greenwich, nel Connecticut. La giovane era scomparsa da diversi giorni e aveva portato con sè alcuni oggetti personali, tra cui l’Ipad, l’Iphone, vestiti e lenzuola. Valerie era stata vista l’ultima volta nei pressi della stazione ferroviaria di New Rochelle, New York, la mattina del 29 gennaio. Al momento del suo ritrovamento, la giovane era chiusa all’interno del bagaglio con mani e piedi legati.

L’indagine per omicidio

Dopo aver informato i familiari del ritrovamento, la Polizia ha avviato un’indagine per omicidio: “Il dipartimento di Greenwich si sta impegnando a identificare i responsabili della morte di Valerie e assicurare la giustizia per lei e la sua famiglia”, hanno fatto sapere le autorità attraverso un comunicato stampa. Sul corpo della giovane, nel frattempo, è stata eseguita l’autopsia. I dettagli sulle cause del decesso, tuttavia, non sono stati resi noti.

Sembra, da quanto trapelato, che Valerie non sia morta nello stesso luogo in cui è stato ritrovato il suo cadavere.

Il corpo in una valigia

A ritrovare la valigia sono stati alcuni operai della rete autostradale, che, nella mattinata di martedì 5 febbraio hanno segnalato la presenza di una valigia rosso/arancio in una zona isolata di Greenwich. Gli agenti si stanno occupando di ascoltare i residenti locali e hanno già richiesto i filmati di alcune telecamere di sicurezza della zona. Il capitano Robert Barry ha fatto sapere che gli investigatori sono in contatto con la polizia di New York e con le forze dell’ordine del resto del Connecticut, essendo Greenwich molto vicino al confine.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche