Esce di prigione dopo aver ucciso un bimbo: accoltellato dai vicini
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Esce di prigione dopo aver ucciso un bimbo: accoltellato dai vicini
Esteri

Esce di prigione dopo aver ucciso un bimbo: accoltellato dai vicini

Esce di prigione, accoltellato dai vicini
Esce di prigione, accoltellato dai vicini

David Gaut, scontata la sua pena di 32 anni in carcere per aver ucciso un bimbo di 15 mesi, è stato accoltellato dai vicini di casa.

David Gaut, 54 anni, era da poco uscito di prigione dopo aver scontato la sua pena per l’omicidio di un bambino di soli 15 mesi. Ma i suoi vicini di casa, il 51enne David Osborne e il 23enne Ieuan Harley, non hanno approvato la scarcerazione e hanno deciso di intervenire e punirlo per i suoi crimini. Secondo quanto riportato da Fanpage, la polizia del Galles, dove è avvenuta la vicenda, ha diffuso i filmati delle telecamere di sorveglianza che testimoniano gli ultimi spostamenti di Gaut prima di finire nella trappola mortale dei suoi vicini. Le immagini lo mostrano nell’atto di acquistare dei biglietti alla stazione ferroviaria di Caerphilly, il 2 agosto 2018. Indossava una maglia bianca, jeans larghi e una giacca di pelle nera.

Assassino ucciso dai suoi vicini

Secondo i risultati delle indagini, diffusi dal britannico Mirror, Osborne e Harley hanno deciso di uccidere Gaut a poche ore dal rilascio dal penitenziario. Lo hanno attirato nella loro abitazione e lo hanno ucciso con 150 coltellate.

Poi, dopo il decesso, hanno continuato a colpirlo con un cacciavite, per un totale di 176 colpi. Infine, gli hanno strappato le unghie, come punizione per l’omicidio del piccolo Chi Ming Shek, negli anni ’80. Il bambino era il figlio dell’allora fidanzata di Gaut, Marky Pickthall. L’uomo si stava occupando di lui in assenza della madre quando lo ha picchiato, preso a calci e ustionato sotto le piante dei piedi.

Al termine dell’aggressione, i due uomini hanno trascinato il cadavere di Gaut fino al suo appartamento in Long Row e hanno cercato di pulire la scena del crimine da ogni residuo che potesse ricondurre a loro. Hanno distrutto i vestiti che indossavano durante l’accoltellamento e dato fuoco a un’auto. Osborne e Harley sono stati accusati di omicidio. Si sono dichiarati innocenti e sono in attesa del processo.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2379 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.