×

Rapita bimba di diciotto mesi: torturata, stuprata e uccisa

Condividi su Facebook

Tragedia avvenuta in Perù: una piccola bimba è stata rapita e violentemente abusata per poi essere abbandonata senza vita in un campo.

Un’orrenda tragedia è quella avvenuta nella parte meridionale del Perù: una piccola bambina di soli diciotto mesi è stata rapita, stuprata e brutalmente uccisa. Dopo una ricerca durata circa dieci giorni, il corpo della bimba è stato rinvenuto nei pressi di un campo non lontano dalla casa della famiglia, situata nel distretto di Pichacani-Laraqueri, a Puno, nel sud-est del Perù.

Le violenze

Secondo le prime indiscrezioni provenienti dai siti di informazione peruviani, le forze dell’ordine hanno impiegato circa una decina di giorni per ritrovare il corpo della giovane vittima. A nulla è servito l’intervento dei soccorsi: la bimba è stata rinvenuta ormai senza vita.

Come viene riportato da alcune fonti locali, dall’autopsia svolta sul cadavere della piccola è emerso che, prima di essere uccisa, la bimba ha subito diverse violenze sessuali e torture da parte dei suoi aguzzini.

Le ricerche

L’ultimo avvistamento della piccola è stato il 2 febbraio 2019, quando la madre, Silvia Lopèz, l’aveva affidata ai suoi fratelli. La famiglia si era appena trasferita in città prima che la tragedia avvenisse. Per giorni e giorni le forze dell’ordine locali si sono adoperate per la ricerca della piccola. Nonostante i numerosi sforzi dei militari locali, il ritrovamento della piccola si è rivelato tardivo.

Ora la polizia peruviana ha aperto le indagini e la caccia ai colpevoli è ufficialmente iniziata.

Fondamentale saranno le testimonianze dei fratelli che stavano curando la piccola al momento del rapimento.


Nato a Varese, classe 95. Ha collaborato con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Fabio Rossi

Nato a Varese, classe 95. Ha collaborato con Notizie.it.

Leggi anche

lockdown catalogna
Esteri

Coronavirus, torna il lockdown in Catalogna

4 Luglio 2020
La Generalitat catalana ha deciso di attuare una seconda fase di lockdown per 38 comuni della Catalogna. Riapre la Sagrada Familia, ma non per tutti.
Entire Digital Publishing - Learn to read again.