Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Texas, tengono 4 bambini segregati in gabbia: arrestati i genitori
Esteri

Texas, tengono 4 bambini segregati in gabbia: arrestati i genitori

Orrore in Texas: la Polizia ha ritrovato quattro bambini tenuti segregati in una gabia di un metro quadrato. Tratti in salvo i piccoli

La polizia del Texas, intervenuta presso un’abitazione in seguito a una lite domestica, ha ritrovato quattro bambini chiusi in una gabbia per cani. I piccoli, tre maschi e una femmina, erano tenuti segregati dai genitori in un fienile, in una gabbia grande poco più di un metro quadrato. Vivevano circondati dai propri escrementi, sporchi e a malapena vestiti. A pochi metri da loro i genitori conservavano cibo in abbondanza e nello stesso locale tenevano un frigorifero, però chiuso a chiave.

Ritrovati grazie alle loro grida

Gli uomini della Polizia, poco dopo essere giunti su posto, sarebbero stati insospettiti dalle urla che sentivano provenire dal vicino fienile. Non appena effettuato il ritrovamento, hanno immediatamente disposto il trasporto in ospedale dei quattro bambini. I piccoli sono ora stati presi sotto la tutela dei servizi sociali, e nonostante le condizioni di denutrizione e disidratazione in cui sono stati ritrovati, secondo i medici dell’ospedale di Fort Worth che li hanno presi in cura non sarebbero in pericolo di vita.

La coppia già condotta in carcere

La coppia di genitori è invece stata condotta in carcere, e dovrà rispondere dell’accusa di maltrattamento di minori.

Stando a quanto emerso finora la donna sarebbe la madre naturale di tre dei bambini, mentre l’uomo sarebbe il padre di uno di loro.

Amber Jester, vicina di casa dei due, alla polizia ha dichiarato di non essersi mai resa conto della presenza dei bambini nella vicina abitazione. Una circostanza dalla quale si evince come la coppia di aguzzini non lasciasse mai uscire i piccoli dalla gabbia nella quale li teneva prigionieri.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche