Turchia, terremoto di magnitudo 5.1: epicentro ad Ayvacik
Turchia, scossa di terremoto magnitudo 5.1: paura ma nessun danno
Esteri

Turchia, scossa di terremoto magnitudo 5.1: paura ma nessun danno

Terremoto in Turchia
Terremoto in Turchia

Ieri sera in Turchia è stata avvertita una scossa di terremoto di 5.1. Migliaia le persone che si sono riversate in strada. Nessun danno registrato.

All’improvviso la terra inizia a tremare e la paura cresce inesorabile dentro le persone che vivono questo terribile momento. È successo in Turchia, intorno alle 19.23 del 20 febbraio. A quell’ora nel Paese è stata registrata una forte scossa di terremoto di magnitudine 5.6, poi corretto in 5.1. Il terremoto si è sentito soprattutto nel nord-ovest dello Stato: l’epicentro è stato individuato nel distretto di Ayvacik della provincia di Cannakale, vicino allo stretto dei Dardanelli.

Una scossa molto forte

La terra ha tremato anche in altre province della Turchia, comprese città come Istanbul e Smirne. La profondità rilevata è di 10 chilometri. Fortunatamente il terremoto non ha fatto registrare danni a persone o edifici come riportato dai media locali. L’allarme e il panico scatenato però è stato molto alto tra coloro che hanno avvertito la scossa. In massa si sono riversati sulle strade lasciando le loro abitazioni per paura crollassero.

Rimane la paura

In seguito alla scossa di ieri, i sismografi hanno registrato la bellezza di ventidue scosse di assestamento.

La più forte tra queste ha raggiunto una magnitudo di 3.7. Il timore che un’altra scossa possa colpire il Paese c’è ancora.

La Turchia si trova tra l’Europa e l’Asia ed è uno dei Paesi più a rischio sismico. Gli esperti che lavorano costantemente sul suolo turco, prevedono che nei prossimi decenni si possa verificare un terremoto di magnitudo 7: se non si prendono le dovute precauzioni gli effetti sarebbero devastanti. Per questo il governo turco cerca da anni di investire per rendere antisismici gli edifici pubblici e privati.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche