Principe Filippo, le sue condizioni preoccupano la regina | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Principe Filippo, problemi di salute: regina Elisabetta preoccupata
Esteri

Principe Filippo, problemi di salute: regina Elisabetta preoccupata

principe filippo

Dopo l'incidente automobilistico, il principe Filippo torna a far preoccupare la regina a causa delle sue condizioni di salute.

Non è la prima volta che le condizioni di salute del principe Filippo destano preoccupazione. Tra gli ultimi si ricordi l’incidente automobilistico a inizio 2019. Anche ultimamente sembra che la salute del consorte sia al centro dei pensieri della Regina Elisabetta. A rivelarlo è la biografa reale Katie Nicholl, che ha ripercorso situazioni e circostanze che hanno portato Sua Maestà a rivedere i suoi impegni pubblici.

Maggiori responsabilità agli eredi

Sembra che da qualche tempo a questa parte, i nipoti William e Harry, figli di Carlo, siano stati investiti di maggiori responsabilità. La decisione sarebbe dovuta ad un progressivo allontanamento del principe Filippo dagli impegni istituzionali. Il Duca di Edimburgo, d’altra parte, ha ormai 97 anni ed è possibile che inizi a soffrire degli acciacchi dell’età. Dal 2017 ha rinunciato agli impegni pubblici.

L’incidente in auto

A inizio 2019, il principe Filippo si è reso protagonista di un fatto di cronaca. Il Duca di Edimburgo ha provocato un incidente mentre era alla guida della sua auto.

Lo schianto ha infatti messo a rischio la sua vita e quella degli occupanti degli altri veicoli coinvolti. La dinamica dell’incidente è chiara: il principe era alla guida della sua Land Rover quando ha perso il controllo. Il veicolo si è ribaltato finendo su un fianco. Gli occupanti dell’altro veicolo coinvolto nello schianto, una mamma con il suo bambino, hanno riportato leggere ferite. Il principe è invece rimasto illeso, sebbene fosse sotto choc. A seguito dell’incidente, Buckingham Palace ha fatto sapere che il principe ha definitivamente rinunciato alla patente.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche