Uk, chiesti nuovi fondi per le ricerche di Madeleine McCann
Esteri

Uk, chiesti nuovi fondi per le ricerche di Madeleine McCann

Scotland Yard ha chiesto un nuovo finanziamento per proseguire le ricerche su una nuova pista di Madeline McCann, scomparsa 12 anni fa in Portogallo.

Gli investigatori di Scotland Yard alla ricerca di Madeleine McCann, hanno chiesto al Ministero dell’Interno più soldi per continuare la ricerca, costata fino ad ora 11,75 milioni di sterline (quasi 14 milioni di euro). Maddie è scomparsa da una casa vacanza nella regione portoghese dell’Algarve nel maggio 2007, alcuni giorni prima del suo quarto compleanno. Oggi, coloro che hanno lanciato le indagini nel 2011, hanno chiesto ulteriori finanziamenti per continuare la ricerca per un altro anno. Il Ministero degli Interni ha confermato che la richiesta è stata presa in considerazione.

La risposta degli Interni

“Abbiamo ricevuto e stiamo prendendo in considerazione la richiesta di estendere i finanziamenti per l’operazione Grange fino alla fine di marzo 2020”. Il finanziamento è scaduto a settembre e l'”Home Office” ha accettato la richiesta per estendere la ricerca fino alla fine di marzo 2019. Agli investigatori è stato concesso un extra di £ 150.000, che ora sembra essersi esaurito.

Nel frattempo i suoi genitori, Kate e Gerry McCann, posano per un’artista per ricostruire l’aspetto di Maddie a distanza di diversi anni dall’ultimo avvistamento.

Sky News: “Ci sono sviluppi”

Il corrispondente di Sky News Martin Brunt, ha detto che “le notizie di questi giorni sono buone per i genitori di Maddie, riaccendono la speranza“. Poi ha aggiunto: “Una grande notizia per i genitori di Madeleine McCann perché, alla fine di ogni periodo di finanziamento, devono sperare che Scotland Yard non stacchi la spina“. “Questo sviluppo potrebbe significare che c’è nuova fiducia, una svolta nell’indagine, ma anche che la teoria definitiva fornita qualche anno fa dagli investigatori che stanno perseguendo da anni la verità sul caso si sta dimostrando più complicata e difficile da seguire del previsto”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Lomonaco
Classe '95, nato a Milano, vive a Rho. Laureato in "Filosofia" alla Statale, poi masterizzato al "Sole 24 Ore". E' vice responsabile di redazione a IlGiornaleOFF, spin-off culturale del weekend e webzine del quotidiano Il Giornale. Scrive per Il Giornale, per il settimanale OGGI e per Notizie.it. Ha lavorato a Radio24 nel team de La Zanzara di Cruciani e Parenzo.