×

Bianca, morta a 4 anni: sul corpo segni di abusi sessuali e botte

La bambina ha ricevuto un forte colpo alla testa mentre stava mangiando. La madre e il compagno sono stati arrestati.

Bianca, morta a 4 anni, abusi sessuali e botte
Bianca, morta a 4 anni, abusi sessuali e botte

Bianca Godoy è morta a soli 4 anni, dopo una brevissima vita in cui ha conosciuto continue torture e abusi. Secondo quanto riportato da Fanpage, il corpo della bambina è stato trovato a Canuelas, nella provincia di Buenos Aires, con i segni di un forte trauma alla testa che, secondo le prime ricostruzioni della polizia, avrebbe portato al soffocamento e quindi alla morte. La piccola è stata colpita con violenza mentre stava mangiando. I sospetti della polizia argentina sono immediatamente caduti sulla madre della bimba, Viviana Roldan, e sul compagno di lei, Federico Espinosa. La coppia ha dichiarato che Bianca si era sentita male durante un bagno in piscina, ma la loro versione non ha convinto gli inquirenti.

Arrestata la madre e il compagno

La polizia e i medici legali hanno rinvenuto sul corpo della bambina prove evidenti di violenza.

I segni degli abusi sessuali sono “di lunga data”, così come i lividi e altre lesioni, tra cui segni i morsi. Sembra inoltre che la piccola venisse legata con una corda intorno a polsi e caviglie. I riscontri hanno portato all’arresto della madre e del compagno, che, secondo quanto si apprende dai media locali, non hanno voluto rilasciare alcuna dichiarazione sull’accaduto.

Il padre biologico di Bianca ha dichiarato che, già in passato, aveva temuto che la figlia subisse maltrattamenti e per questo stava cercando di ottenerne la custodia. “Non possiamo credere a tanto male”, ha commentato la zia materna. Nonostante i sospetti, “non abbiamo mai pensato che la situazione fosse così seria e non possiamo credere che lei, come madre, abbia fatto tutto questo a Bianca”.


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
ArIanna

metteTeli in carcere in pasto agli altri che sanno fargli capire quanto ha sofferto la piccola.


Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche