Naufragio in Grecia: tre migranti morti | Notizie.it
Naufragio in Grecia, 3 migranti morti: tra loro anche 2 bambini
Esteri

Naufragio in Grecia, 3 migranti morti: tra loro anche 2 bambini

Naufragio grecia, migranti morti
Naufragio grecia, migranti morti

La Guardia costiera greca ha tratto in salvo altri 9 migranti, tra cui un minore, che si trovavano a bordo dell'imbarcazione.

Tre migranti hanno perso la vita durante un naufragio nelle acque del Mediterraneo. La notizia è stata diffusa dalla Guardia costiera greca. Come riportato da Rai News, la piccola imbarcazione, con a bordo 12 persone, stava solcando le acque al largo dell’isola greca di Samos, nell’Egeo orientale, quando si è verificato il naufragio. Le prime vittime a essere ritrovate sono stati due bambini. Più tardi i soccorritori hanno rinvenuto anche il cadavere di un uomo. A bordo del natante c’era anche un altro minore. Al momento non si conosce la provenienza dei naufraghi né le condizioni di salute dei superstiti.

Migranti, strage nel Mediterraneo

Nel gennaio 2019, 170 persone sono morte in due naufragi nelle acque del Mediterraneo, che si è così tristemente confermato il “cimitero dei migranti” in viaggio verso l’Europa. Un barcone semiaffondato è stato avvistato da un veivolo dell’Areonautica militare italiana. Le autorità della Marina militare hanno inviato un elicottero che ha tratto in salvo gli unici tre superstiti della tragedia.

I migranti sopravvissuti hanno in seguito rivelato al personale dell’Oim, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che inizialmente a bordo dell’imbarcazione si trovavano circa 120 persone, compresi due bambini e dieci donne. Uno dei minori aveva pochi mesi di vita e una delle donne era in stato di gravidanza. Le autorità libiche hanno setacciato l’area del naufragio con una nave mercantile ma non hanno trovato alcun superstite, come riferito dai portavoce della Guardia costiera italiana.

Naufragio nel Mare di Alboràn

Negli stessi giorni, un secondo naufragio ha portato alla morte di 53 persone nel Mare di Alboràn, nel Mediterraneo occidentale. L’Unhcr ha riferito la presenza di un solo superstite, sopravvissuto dopo aver trascorso 24 ore in balia delle onde, fino a quando un peschereccio non lo ha soccorso. Il pescatore lo ha portato sulla terraferma, in Marocco, dove il migrante ha ricevuto i primi soccorsi.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2034 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.