Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Violenta bimba di 3 anni, le trasmette le sue malattie veneree
Esteri

Violenta bimba di 3 anni, le trasmette le sue malattie veneree

drevon perkins

Ha ammesso di aver violentato una bimba nonostante sapesse di essere affetto da malattie sessualmente trasmissibili.

Il 26enne Drevon Alexander Perkins avrebbe abusato di una bimba di 3 anni sua parente. Il ragazzo però, con i rapporti sessuali, le avrebbe trasmesso le sue stesse malattie veneree. La vicenda arriva dal Texas ed è stato lo stesso Perkins, sottoposto al test del poligrafo, a confessare alla polizia quanto aveva fatto. A seguito dello stupro, infatti, la bimba è risultata positiva ad alcune malattie veneree. L’uomo deve rispondere dell’accusa di violenza sessuale aggravata su una bambina di età inferiore ai 6 anni.

La violenza sessuale

Perkins, nel corso dell’interrogatorio dopo l’arresto, ha ammesso di aver costretto la bambina ad avere rapporti sessuali con lui. La piccola sarebbe una parente dell’aggressore e sarebbe stata accompagnata in ospedale da un altro familiare. Quest’ultimo avrebbe raccontato ai medici quello che era accaduto, rivelando anche la possibile insorgenza di malattie sessualmente trasmissibili.

Per Perkins sono stati chiesti 25 anni di carcere e una multa di 25 mila dollari.

Ha confessato lo stupro

E’ stato lo stesso stupratore ha confessare quanto accaduto.

La Polizia, infatti, dopo l’arresto ha sottoposto l’uomo al test del poligrafo. Avrebbe rivelato di aver convinto la bambina a entrare nel suo appartamento per poi stuprarla approfittando dell’assenza di sua moglie, che in quel momento si trovava al lavoro. Perkins avrebbe anche ammesso di non essersi fatto alcuno scrupolo nell’abusare la piccola nonostante fosse a conoscenza di avere gravi malattie sessualmente trasmissibili. Sembra che Perkins fosse sotto l’effetto di droga.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche