Argentina, tenta di violentare la figlia: ucciso dalla moglie | Notizie.it
Argentina, padre violenta la figlia: ucciso a coltellate dalla moglie
Esteri

Argentina, padre violenta la figlia: ucciso a coltellate dalla moglie

uccide marito

Tenta di violentare la figlia 18enne, ma la moglie lo uccide con 185 coltellate. La vicenda arriva dall'Argentina e la donna avrebbe confessato.

Dramma familiare a Buenos Aires. Una donna di 38 anni ha ucciso il marito con 185 coltellate. Quest’ultimo per anni avrebbe abusato di lei e della figlia 18enne. L’ira della donna si sarebbe scatenata dopo aver colto in flagrante il marito mentre abusava della ragazza. Paola Cordoba, questo il nome della moglie, avrebbe subito confessato il delitto. Arrestata anche la figlia.

L’omicidio nella loro casa

I fatti sono avvenuti nella casa di famiglia, situata in una provincia di Buenos Aires. L’uomo avrebbe infatti tentato di abusare della figlia 18enne venendo però sorpreso dalla moglie. Quest’ultima, stufa dei soprusi vissuti per anni avrebbe quindi impugnato un coltello finendo il marito con 185 coltellate. Paola Cordoba ha immediatamente confessato il delitto ed è stata arrestata insieme alla figlia. Secondo la Polizia, infatti, quest’ultima potrebbe aver partecipato al delitto del padre. Entrambe si trovano in carcere e hanno fornito la loro versione dei fatti affermando di essere state più volte vittime della violenza dell’uomo.

Sul luogo del delitto gli agenti hanno trovato, e sequestrato, due coltelli insanguinati.

Inferte 185 coltellate

L’autopsia ha confermato che l’uomo è stato pugnalato 185 volte e la maggior parte delle pugnalate, 119, avrebbero raggiunto il torace, come riportato da Fanpage.it. Le coltellate fatali, che hanno raggiunto il cuore e i polmoni sono state quattro. Nel frattempo l’opinione pubblica argentina è divisa: c’è chi ritiene che l’omicidio non sia assolutamente da giustificare, e chi ritiene che la donna abbia agito per difendersi dal marito violento. E’ stata organizzata anche un marcia davanti alla stazione di Polizia per chiedere la liberazione di madre e figlia. “Mia sorella e mia nipote hanno vissuto 21 anni di calvario” ha detto la sorella di Paola Cordoba, che ha anche riferito che l’uomo avrebbe costretto le due donne a prostituirsi.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche