×

Silvia Romano, che fine ha fatto? La mozione: “Non cali il silenzio”

La sorte di Silvia Romano resta avvorta nel buio. La 23enne cooperante è stata rapita in Kenya, e c'è chi teme che la vicenda cadi nel dimenticatoio.

Silvia Romano

La famiglia e il Ministero degli Esteri ha sempre chiesto il massimo riserbo sulla vicenda, ma c’è chi teme che ora possa calare anche il silenzio attorno al rapimento di Silvia Romano, la 23enne cooperante milanese, sequestrata il 20 novembre 2018 in Kenya. Spunta quindi l’idea di presentare in quanti più Comuni possibili una mozione per tenere viva l’attenzione sul caso, all’interno della quale si chiede che il governo riferisca il prima possibile in merito agli ultimi sviluppi attorno al rapimento di Silvia Romano.

Dov’è Silvia Romano?

Da quattro mesi, infatti, non si anno più notizie della volontaria dell’associazione Africa Milele Onlus. Ad oggi non è nemmeno chiaro se Silvia Romano sia stata rapita da un gruppo di criminali comuni oppure legati a qualche frangia terroristica.

Ugualmente non si hanno notizie in merito alla possibile richiesta di riscatto, che non si sa se sia avvenuta o meno.

Impossibile poi finora sapere se Silvia sia ancora in Kenya oppure se i suoi rapitori sono riusciti a passare con lei il confine con la Somalia.

L’ultimo bollettino risale al 21 gennaio 2019, quando le autorità keniane si sono limitate ad affermare che a 23enne era ancora in vita, probabilmente nascosta nella foresta attorno alla valle del fiume Tana, un’area di circa una 40ina di chilometri quadrati.

La mozione

“Silvia non va dimenticata, la speranza di vederla tornare a casa non l’abbandoniamo. Da questa speranza nasce la mozione, da presentare in quanti più Comuni possibile. Servirà a smuovere qualcosa, qualcuno, forse a far tornare un po’ di quell’attenzione che il tempo tende a diluire fino a cancellare del tutto. Aiutateci a ricordarla, fate sentire forte l’appello per vedere davvero #SilviaLibera” si legge quindi in un post di Possibile, partito guidato da Pippo Civati.

La mozione è stata presentata il 12 marzo ed oltre ad esprimere “solidarietà, sostegno e vicinanza alla famiglia e alla sua organizzazione in questo momento difficile” chiede “al Governo Italiano di impegnarsi a promuovere in tutte le sedi istituzionali opportune – con particolare riferimento all’Unione Europea oltreché al Kenya – affinché si attivino per la liberazione di Silvia”.


Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Paola Marras

Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .

Leggi anche