Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Talco cancerogeno, nuova condanna per Johnson & Johnson
Esteri

Talco cancerogeno, nuova condanna per Johnson & Johnson

talco cancerogeno

Talco cancerogeno. E' questa l'accusa mossa all'azienda americana. Il risarcimento è stato quantificato in 29 milioni di dollari.

La popolare azienda colleziona una nuova condanna. La multinazionale statunitense è stata condannata al pagamento di un risarcimento danni per una donna affetta da mesotelioma terminale, un tumore maligno causato, secondo quanto stabilito dalla sentenza, dall’esposizione all’amianto, che sarebbe contenuto nel borotalco prodotto dall’azienda.

La sentenza

La società, secondo la sentenza pronunciata a Oakland, dovrà risarcire 29 milioni di dollari. L’accusa è arrivata proprio dalla donna stessa, che secondo la sua versione, si sarebbe ammalata per colpa dell’amianto contenuto in un borotalco prodotto dal noto marchio. La Corte le avrebbe dato ragione. Nel verdetto il borotalco J&J è stato definito un “sostanziale fattore che ha contribuito alla malattia” della donna. La multinazionale, dal canto suo, ha replicato: “Rispettiamo il processo legale e ribadiamo che i verdetti della giuria non sono conclusioni mediche, scientifiche o normative su un prodotto, ma faremo appello, a causa di seri errori procedurali e probatori”. La Johnson & Johnson assicura inoltre che i suoi prodotti sono sicuri e privi di amianto, come dimostrato da numerosi studi ed esami condotti in tutto il mondo.

Azienda già condannata

Non è la prima volta che la Johnson & Johnson finisce in tribunale per questo tipo di accusa.

Sarebbero infatti 13mila le cause aperte contro la società. Nel 2018 la corte di St Louis in Missuori aveva condannato la multinazionale al risarcimento di 22 donne affette da cancro ovarico, per un totale di 4,7 milioni di dollari. La società annunciò ricorso considerando la sentenza “frutto di un processo fondamentalmente ingiusto“.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche