Mamma inietta il proprio sangue al figlio malato | Notizie.it
Inietta il proprio sangue al figlio malato: “Così lo curavano meglio”
Esteri

Inietta il proprio sangue al figlio malato: “Così lo curavano meglio”

mamma sangue

Una mamma ha confessato di iniettare nel naso e nella bocca del figlio di 5 anni il proprio sangue, per ottenere dai medici cure più specifiche.

Una mamma della Virginia (Stati Uniti) che ha ammesso di aver iniettato del suo sangue nel naso e nella bocca del figlio disabile e malato mentre era in ospedale, assicurando però di averlo fatto solo perché voleva che il bambino ricevesse maggiore attenzione da parte dal personale medico.

Escamotage pericoloso

“Lei nega qualsiasi intenzione atta a danneggiare il figlio. Ama suo figlio come qualsiasi madre” ha assicurato l’avvocato di Elizabeth Malone davanti ai giudici. Nella giornata di mercoledì 13 marzo 2019 la donna si è comunque dichiarata colpevole di abuso di minori. Elizabeth Malone, madre di tre figli che vive nella contea di Fairfax, è stata infatti immortalata in un video di una telecamera nascosta installata in ospedale mentre inietta nel naso e nella bocca del figlio ricoverato il proprio sangue.

La donna si è da poco trasferita in Virginia dal Texas, e a quel punto non si è trovata d’accordo con i medici locali riguardo al trattamento che il figlio di 5 anni, disabile, avrebbe dovuto seguire.

Alla mamma però è piaciuto il pronto intervento e le cure rivolte al bambino dai sanitari quando questo, una volta, aveva cominciato a sanguinare dalla bocca e dalla cannula tracheostomica.

Elizabeth Malone ha così cominciato ad iniettare di tanto in tanto del suo sangue nella bocca e nel naso del figlio per ricreare quei sintomi. Il problema però è che tale procedura ha causato nel bambino infezioni che gli hanno provocato anche febbri molto alte.

Il bambino ora sta bene

I medici hanno cominciato a sospettare che qualcosa non andava quando un’infermiera si è accorta che la madre nascondeva nella manica una siringa e un fazzoletto sporco di sangue. A quel punto nella stanza d’ospedale dove era ricoverato il bimbo è stata piazzata una telecamera nascosta, che ha ripreso Elizabeth nell’atto di iniettare il sangue nella cannula tracheostomica del figlio.

Subito dopo l’arresto, Elizabeth Malone ha cercato di negare ogni addebito ma alla fine è crollata, assicurando però che non voleva intenzionalmente creare danni al bambino. “Lo so, l’ho fatto, lo so. Punitemi ma per favore fatemi vedere di nuovo i miei figli” ha quindi supplicato la donna davanti agli inquirenti. La condanna è prevista per la metà di luglio 2019. Sembra però che da quando la mamma è stata allontanata, perché reclusa in progione, il figlio si sia ripreso velocemente tanto da tornare a scuola.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche