Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
USA, bimba di 7 anni obbliga compagno di classe a fare sesso a scuola
Esteri

USA, bimba di 7 anni obbliga compagno di classe a fare sesso a scuola

scuola

Una bimba ha obbligato un compagno di classe a fare sesso con lei, costringendo poi un altro alunno di 7 anni ad usare violenza sulla vittima.

Dall’America viene segnalato un episodio inquietante. Una bambina di una prima elementare avrebbe infatti costretto un compagno di classe di 7 anni a fare sesso con lei in un bagno della scuola. La vicenda è accaduta a Fort Walton Beach, in Florida, alla fine dell’anno accademico 2015/16. Citati in giudizio anche gli insegnati, per negligenza e mancato controllo sugli alunni.

Violenza sessuale tra bambini

Ad aggravare la situazione il fatto che “questa bambina ha anche costretto un altro studente maschio a usare violenza sul mio cliente. Senza troppi giri di parole possiamo dire che ha costretto il nostro cliente a fare sesso con entrambi. E stiamo parlando di bambini di sei, sette anni” sottolinea il procuratore Aaron Watson.

Il magistrato ha precisato che nel bagno dove è avvenuta la presunta violenza sessuale non c’era nessun adulto, ma Watson denuncia il fatto che a suo giudizio gli insegnanti sarebbero stati negligenti perché non in grado di sorvegliare attentamente i bambini, tanto che questi sarebbero riusciti a compiere atti così atroci all’interno di una scuola.

Violenza si poteva evitare

Per le autorità, infatti, i docenti avrebbero lasciato i bambini per troppo tempo soli in bagno.

Se maggiormente controllati, è questa la tesi della Procura, la presunta violenza sarebbe potuta essere quindi evitata.

In base a quanto riporta il sito WKRG, la famiglia della vittima ha così citato in giudizio anche il consiglio scolastico della contea di Okaloosa, perché il mancato controllo ha permesso il verificarsi della violenza. La scuola e il dipartimento dello sceriffo locale hanno preferito non commentare per il momento le gravi accuse.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Dal 2018 lavoro a tempo pieno per Notizie.it. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.
Contatti: Mail