Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Droga il figlio per avere l’indennità di malattia: mamma condannata
Esteri

Droga il figlio per avere l’indennità di malattia: mamma condannata

bambino malnutrito

Lasciava il figlio senza cibo e gli somministrava droga per farlo apparire malato. E' questo il piano ordito dalla madre per ottenere l'indennità.

Per otto lunghi anni una madre ha maltrattato il figlio per ottenere l’indennità di malattia. Il figlio era infatti malnutrito e spesso era costretto ad assumere droghe. L’obiettivo era di farlo apparire in condizioni di salute precarie e ottenere così l’indennità. La vicenda arriva dalla Russia ed è stata riportata dal Sun. La donna, madre adottiva del bambino, è stata dichiarata colpevole con l’accusa di aver “inflitto lesioni gravi a un minore” costringendolo “a uno stato di impotenza”. La madre dovrà inoltre restituire l’intero importo dell’indennità ricevuta finora e versare più di 9.400 euro al figlio per danni morali.

Bimbo malnutrito

Il figlio era arrivato a pesare quasi come un bambino di 4 anni, pur avendone più del doppio. La madre voleva che il ragazzino risultasse malato agli occhi di chiunque. Stando a quanto scoperto dalle indagini, il padre adottivo del bambino e compagno della donna era all’oscuro di tutto.

Una funzionaria del Comitato investigativo federale russo ha spiegato che “durante tutti questi anni la donna ha visto molti dottori e ha chiesto loro di controllare il figlio perché malato. Aveva addirittura ipotizzato potesse avere il cancro. I medici stessi sono stati raggirati dalla donna non riuscendo a trovare una diagnosi giusta”.

Seguito da una psicologa

Il terribile piano della donna è stato sventato, ma ha avuto gravissime ripercussioni sul bambino. Il ragazzino infatti a causa della malnutrizione e dell’effetto delle droghe risulta nettamente sottopeso rispetto alla norma e dovrà essere seguito da specialisti. Dalla vicenda è emerso che, nonostante abbia 10 anni, non è mai andato a scuola. Si trova in cura da una psicologa che si sta occupando di seguire tutti gli sviluppi del suo caso.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche