Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Chiede silenzio per i figli che dormono: madre picchiata da baby gang
Esteri

Chiede silenzio per i figli che dormono: madre picchiata da baby gang

madre picchiata baby gang

I figli si erano appena addormentati e lei voleva un po' di silenzio: 10 ragazzi l'hanno picchiata violentemente. La polizia è arrivata 20 ore dopo.

Anca Si Piticii, 34enne madre di 2 figli di origine polacca, stava stendendo i panni appena lavati fuori dalla finestra del suo appartamento a Balby, nei pressi di Doncaster, nel Regno Unito. In quel preciso momento sono passati dei ragazzi i quali, tra urla e divertimento, facevano un gran chiasso. La donna ha quindi chiesto loro di fare un po’ silenzio, visto che i figli, rispettivamente di 3 e 6 anni, si erano appena addormentati.

La reazione dei dieci adolescenti è da non credere. La baby gang, composta anche da alcune ragazze, si è letteralmente scagliata contro la donna, pestandola a sangue. Anca ha raccontato quanto successo al Daily Mail: “Una delle ragazze è venuta verso di me chiamandomi in ogni modo. Le ho detto di abbassare il suo tono di voce e di tenersi distanze dalla mia proprietà privata e l’ho avvertita che avrei chiamato la polizia”.

La polizia è arrivata ore dopo

Fortunatamente la donna è riuscita a fuggire e a barricarsi in casa prima che la situazione precipitasse.

La bay gang però non ha desistito, continuando a dare calci alla porta di casa e gridando insulti verso la donna. Solo l’arrivo di una macchina ha fermato la furia dei ragazzi.

Anca ha riportato numerose lesioni. Portata in ospedale per le cure necessarie, i medici hanno detto che si riprenderà. La madre però accusa la polizia giunta a casa sua dopo ben 20 ore dalla chiamata: “Mi hanno detto che era sabato sera e coi pub pieni non riuscivano a gestire il mio caso. Ma la mia unica arma come madre single per proteggere i miei bambini è la polizia”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche