Siria, l'annuncio: "Califfato eliminato al cento per cento" | Notizie.it
Siria, cade l’ultima roccaforte dell’Isis: eliminato il Califfato
Esteri

Siria, cade l’ultima roccaforte dell’Isis: eliminato il Califfato

califfato siria

"Califfato eliminato al cento per cento". E' questo l'annuncio dopo la caduta dell'ultima roccaforte, Baghuz.

L’ultima roccaforte dello Stato Islamico in Siria, Baghuz, è stata liberata. Ad annunciarlo è stato Mustafa Bali, portavoce delle Sdf, le milizie curde appoggiate dagli Stati Uniti. “Le Forze Democratiche siriane dichiarano la totale eliminazione del cosiddetto califfato e la sconfitta territoriale al 100 per cento dell’Isis. In questo giorno unico commemoriamo migliaia di martiri i cui sforzi hanno reso possibile la vittoria” ha annunciato Bali via Twitter.

Anni di guerra

L’annuncio pone fine a quasi cinque anni di guerra contro lo Stato islamico in Siria e Iraq. Già da diverse settimane le milizie curde avevano dato inizio alla battaglia finale per espellere l’Isis dalla sua ultima roccaforte di Baghuz, dopo l’evacuazione di migliaia di civili e la resa dei combattenti dello Stato Islamico. La massima espansione dell’Isis era stata raggiunta nell’estate del 2014. Baghuz, situata sul fiume Eufrate, zona ricca di risorse energetiche, era l’ultimo territorio nelle mani dello stato Islamico.

Le forze curde-siriane hanno avuto un ruolo chiave nella sconfitta dell’Isis, riconquistando gran parte del territorio in mano allo Stato Islamico.

L’annuncio degli Usa

“Il Califfato di Abu Backr è al cento per cento eliminato”. E’ quanto ha affermato il portavoce della Casa Bianca citando le informazioni ricevute dal Pentagono sull’Isis. L’analisi non è del tutto condivisa dagli organismi attivi sul fronte, tra cui l’Ondus, Osservatorio nazionale siriano per i diritti umani. Quest’ultimo sostiene infatti che jihadisti dell’Isis rimangono operativi nella valle siriana dell’Eufrate. Si sarebbero inoltre perse le tracce di numerosi miliziani del gruppo di terroristi fuggiti dalla pianura di Baghuz.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche