Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Nigeria, stupra una donna incinta e la uccide davanti alle figlie
Esteri

Nigeria, stupra una donna incinta e la uccide davanti alle figlie

Nigeria, stupra e uccide una donna incinta
Nigeria, stupra e uccide una donna incinta

Quando la donna si è rifiutata di avere rapporti con lui e lo ha spinto in acqua, l'uomo l'ha annegata davanti alle bambine di 7 e 4 anni.

Quando una donna incinta, al settimo mese di gravidanza, si è rifiutata di avere rapporti con lui, ha deciso di aggredirla per poi ucciderla. È accaduto in Nigeria, si apprende da Leggo, che cita fonti della stampa locale. L’episodio si è verificato sulle rive del fiume che scorre presso il villaggio di Gangnim, nello stato di Plateau. Timring Napkur è accusato di aver violentato e ucciso Zainab Abu, mentre lei si trovava insieme alle sue figlie, Aije, di 7 anni, e Khadija, di 4.

Annegata davanti alle figlie

Secondo fonti locali, la donna stava facendo il bucato insieme alle bambine nelle acque del fiume quando Napkur si è avvicinato con l’intento di avere rapporti sessuali con lei. Quando Zainab si è opposta, l’ha aggredita e ha abusato di lei, nonostante la gravidanza in uno stato ormai avanzato. L’uomo ha dichiarato alla polizia di averle proposto cortesemente di avere rapporti, ma lei in risposta lo ha spinto nel fiume per allontanarlo.

Napkur ha ammesso l’annegamento, ma nega di aver abusato di lei. Sul quotidiano locale Aproko Republic si apprende che l’uomo ha dichiarato: “L’ho osservata per molto tempo, poi ho notato che si stava avvicinando al fiume e l’ho seguita. Mi sono avvicinato e le ho chiesto di fare l’amore con me, ma si è rifiutata e mi ha spinto in acqua. Abbiamo iniziato a lottare e, nella foga, l’ho spinta nel fiume dove è affogata. Ma non l’ho violentata“.

A lanciare l’allarme sono state le due bambine, che sono fuggite e hanno raccontato al padre il crimine a cui hanno assistito. L’uomo ha contattato la polizia, che ha arrestato l’aggressore in attesa del processo.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in Lettere moderne presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in Lettere moderne, con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.