×

Dipendente mette LSD nel caffè dei colleghi: “Erano troppo negativi”

Il clima lavorativo per un ragazzo di 19 anni da poco assunto era troppo teso e negativo. Per rilassare i colleghi offre loro un caffè "stupefacente"

lsd caffè

Non è sempre facile trovare un buon feeling con i colleghi di lavoro, soprattutto se si è convinti che questi abbiano una “energia negativa”. E’ infatti esattamente questo ciò che pensava un impiegato 19enne quando ogni mattina era costretto a sedersi in ufficio con gli altri dipendenti dell’impresa di auto a noleggio che lo aveva assunto.

“Energia negativa al lavoro”

Il ragazzo ha così pensato ad un modo per rendere il clima lavorativo più rilassato e divertente. In base alle indagini effettuate dalle autorità di Arnold, nel Missouri (Stati Uniti), il giovane ha così deciso di sciogliere un po’ di LSD in due bottiglie d’acqua e anche in una tazza di caffè offerta ad un collega.

Invece che cominciare a viaggiare con la mente, però, i tre impiegati che hanno assunto inconsapevolmente l’allucinogeno si sono sentiti male.

“Hanno cominciato ad accusare tremori“, ha spiegato il sergente Tony Dennis, come riporta abc7chicago.com.

L’effetto dell’LSD

I colleghi del 19enne hanno poi accusato un aumento della frequenza cardiaca, della temperatura e della pressione sanguigna. Due impiegati sono dovuti anche ricorrere alle cure dei medici e ricoverati per accertamenti in ospedale. Quando l’effetto dell’LSD si è esaurito, il quadro clinico dei tre è tornato normale.

Anche se il 19enne è stato arrestato, per l’incriminazione le forze dell’ordine stanno attendendo le analisi dei test di laboratorio effettuate sulle bevante, per capire il dosaggio della droga. L’LSD si può trovare infatti in forma liquida e si può somministrare in gocce.


Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Paola Marras

Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .

Leggi anche