Pakistan, stuprata e uccisa dal branco in ospedale | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Va in ospedale per un mal di denti, violentata e uccisa dal personale
Esteri

Va in ospedale per un mal di denti, violentata e uccisa dal personale

stupro ospedale pakistan

Drammatica storia di violenze in Pakistan. Una giovane è stata stuprata e uccisa in ospedale dal personale sanitario.

La giovane accusava un forte mal di denti, motivo per il quale aveva deciso di recarsi in ospedale per un controllo. Arrivati lì, però, è stata aggredita da un branco di quattro uomini che l’hanno stuprata e poi uccisa. Gli aggressori sono risultati essere tutti dipendenti della struttura sanitaria. La storia arriva dal Pakistan, e la Polizia avrebbe fermato e arrestato tre presunti stupratori. Per quanto riguarda il quarto, sarebbe stato identificato, ma si è dato alla fuga e risulta irreperibile. Gli agenti stanno continuando a dargli la caccia. In un primo momento, l’ospedale aveva tentato di nascondere lo stupro, attribuendo la morte della giovane ad un malore, ma grazie all’autopsia è emersa la verità.

Il cadavere scoperto dalla madre

Il corpo senza vita della povera giovane giaceva su un lettino del Sindh Government Hospital di Korangi, nel distretto di Karachi. Non vedendo la figlia tornare a casa, la madre si è insospettita ed è corsa a cercarla all’ospedale.

Lì le hanno comunicato che la ragazza era stata trasferita, ma dopo essersi recata nell’altro ospedale, la donna ha scoperto che non era vero. E’ quindi tornata indietro e ha iniziato a guardarsi attorno per cercare la figlia: il suo cadavere era su una barella in una stanzetta del retro. Il personale le ha quindi riferito che la figlia era morta diverse ore prima a causa di una reazione ad un antibiotico che le era stato somministrato, ma i familiari hanno comunque chiesto che venisse eseguita l’autopsia. Proprio l’esame autoptico ha fatto emergere la verità: la ragazza è stata stuprata e uccisa.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche