×

Usa, lavavetri bloccati per 45 minuti su un grattacielo

Dovevano pulire i vetri di un grattacielo, ma sono rimasti bloccati a causa del vento. Disavventura per due lavavetri.

lavavetri bloccati

Dovevano pulire le finestre di un grattacielo della Devon Tower, un palazzo a Oklahoma City, ma qualcosa è andato storto, e due lavavetri sono rimasti bloccati per circa 45 minuti sulla piattaforma con cui si dovevano calare lungo le pareti del palazzo. Infatti, a causa del forte vento, la piattaforma oscillava pericolosamente e i due sono dovuti rimanere immobili, a diversi metri di altezza, fino all’arrivo dei vigili del fuoco. I pompieri, dopo aver bloccato la circolazione sotto il palazzo, hanno stabilizzato la gru a cui era appesa la piattaforma e l’hanno poi fatta arrivare sul tetto, ad un altezza di circa 260 metri.

Danneggiate alcune vetrate

A causa delle oscillazioni della piattaforma, alcune parti in vetro della fascia più alta del palazzo sono andate danneggiate, essendo state colpite.

Alcuni passanti avrebbero addirittura raccolto dal marciapiede alcuni pezzi di vetro, sgretolatisi probabilmente proprio dalle vetrate. “C’era un vento da sud-ovest di 11-22 km/h vicino al livello del suolo” ha spiegato un meteorologo. I venti, molto probabilmente, erano molto più intensi all’altezza del cestello e avrebbero provocato le oscillazioni. “E’ una situazione molto pericolosa, evitate l’area” hanno invece comunicato dal Fire Department della città. La disavventura dei due operai si è conclusa dopo circa un’ora in quanto il cestello si trovava ad un’altezza non raggiungibile neanche dalle scale più alte dei vigili del fuoco. Uno dei due lavavetri avrebbe riportato lievi ferite.

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche