Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Si filmano mentre urinano sulla lapide di un bimbo morto di cancro
Esteri

Si filmano mentre urinano sulla lapide di un bimbo morto di cancro

Urina sulla lapide di un bimbo morto
Urina sulla lapide di un bimbo morto

Il video immortala il 23enne Bryan Bellace mentre urina sul monumento in ricordo di Christian in un parco pubblico di Philadelphia.

“Oggi non capisco più questo mondo“. Con queste parole Mark Clopp ha commentato il gesto di due ragazzi che, senza alcun motivo apparente, hanno urinato sulla lapide di suo figlio Christian, morto a soli 9 anni per un tumore al cervello. È accaduto in un parco pubblico di Philadelphia, negli Stati Uniti, riporta Fanpage. La scena è stata immortalata da un video che incastra i responsabili. A profanare il momento eretto in ricordo del piccolo Christian è stato Bryan Bellace, un ragazzo americano di 23 anni.

Il video

Restano sconosciute le motivazioni del gesto, forse da ricondurre a un abuso di alcolici. A immortalare la scena con un cellulare è stato un amico, che ha poi diffuso il video ad altri conoscenti, fino a quando non è finito in rete. È stato così che alcuni conoscenti della famiglia Clopp si sono imbattuti in queste terribili immagini. “Un nostro amico è corso a casa nostra e ci ha informato che era stato pubblicato un video nel quale due canaglie urinavano sulla lapide di Christian, eretta ne suo parco giochi preferito“, ha raccontato Mark.

Il sostegno della comunità

La vicenda ha scosso non solo i familiari e i conoscenti del bimbo, ma anche gli estranei.

Due di loro, Paul Burgan e Desmond Walker, hanno deciso di dare una mano alla famiglia di Christian, offrendosi di ripulire la lapide da soli. Intervistati dai media locali, hanno spiegato: “Eravamo entrambi così disgustati da quello che abbiamo letto e sentito che sentivamo di dover andare in questo posto per pulirlo e disinfettarlo. Lo abbiamo fatto per far sapere alla gente che questa è la nostra comunità e non perdoniamo atti disgustosi come questo”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2654 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.