×

Stop al muro col Messico: giudice federale blocca i finanziamenti

In mancanza del finanziamento, non è però escluso che il Presidente degli Stati Uniti possa finanziare il muro dirottando fondi da altri progetti.

muro-trump
Muro al confine con il Messico

Battuta d’arresto per il muro al confine col Messico voluto da Donald Trump. Il giudice federale Haywood Gilliam ha infatti bloccato con un’ingiunzione preliminare il trasferimento di un miliardo di dollari che servivano per finanziare la costruzione del muro. In mancanza del finanziamento, non è però escluso che il Presidente degli Stati Uniti possa finanziare il muro dirottando fondi da altri progetti.

Il contenuto dell’ingiunzione

L’ingiunzione preliminare è stata emessa a seguito di svariate cause intentate nell’ultimo periodo per fermare la costruzione del muro. I procedimenti penali in questione sono stati presentati sia da entità federali, come lo stato della California, che da associazioni come l’American Civil Liberties Union.

Tra le motivazioni presentate nel testo del documento giudiziario di 56 pagine si può inoltre leggere: “La posizione secondo cui quando il Congresso declina la richiesta dell’esecutivo di stanziare fondi adeguati, l’esecutivo può tuttavia trovare semplicemente un modo per spendere quei fondi ‘senza Congresso’ non è in linea con i principi fondamentali della separazione dei poteri che risalgono ai primi giorni della nostra Repubblica”.

Costi del muro destinati a lievitare

Nei preventivi iniziali redatti dal Partito Repubblicano, i finanziamenti per il muro avrebbero dovuto ammontare tra i 12 e i 15 miliardi di dollari.

Secondo un rapporto pubblicato dal Government Accountability Office nel luglio del 2018 però, l’infrastruttura voluta da Donald Trump non rispetterebbe i termini pronosticati. Essa infatti dovrebbe: “costare più del previsto, impiegare più tempo del previsto e non funzionare pienamente come previsto”.

Una situazione che appare ben lontana dallo scenario inizialmente ipotizzato da Trump, in cui costi per la costruzione del muro sarebbero stati coperti interamente dallo stato del Messico.


Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche