Va in India per curare la depressione: drogata, stuprata e decapitata
Esteri

Va in India per curare la depressione: drogata, stuprata e decapitata

Drogata, stuprata e decapitata
Drogata, stuprata e decapitata

Liga Skromane, nata in Lettonia ma residente a Dublino con la compagna, voleva raggiungere un centro ayurvedico di Kerala.

Liga Skromane si era recata in India sperando di trovare nel Paese asiatico quella pace che non aveva in Lettonia, dove era nata, né a Dublino, dove viveva da cinque anni insieme alla compagna. La ragazza, 33 anni aveva trovato il coraggio di lasciare tutto e di intraprendere un viaggio per cercare di curare la depressione. Ma il suo tentativo di rinascita si è trasformato in una tragedia. È stata drogata, stuprata e poi decapitata. Il suo corpo è stato rivenuto, appeso per i piedi e in evidente stato di putrefazione, in una foresta di mangrovie nei pressi di Thiruvallam.

Liga Skromane

Arrestati due uomini

La drammatica storia di Liga è cominciata nel febbraio 2019 ed è stata raccontata da Il Mattino. La sua meta, in India, era un centro ayurvedico di Kerala, di cui aveva tanto sentito parlare e che avrebbe dovuto aiutarla a combattere la depressione. Di lei si sono perse le tracce quando, un giorno, ha deciso di allontanarsi dal centro per raggiungere una spiaggia. Il ritrovamento del suo corpo senza vita risale a un paio di mesi dopo, precisamente il 21 aprile. Fonti locali hanno riferito a NDTV che la ragazza è stata vittima di un’incredibile violenza.

Gli inquirenti hanno arrestato due uomini con precedenti per traffico di droga e violenza sessuale, nei confronti di uomini e donne. I due malviventi l’avrebbero fermata nel suo tragitto verso la spiaggia. Dopo averle somministrato una sostanza stupefacente, hanno abusato di lei e l’hanno decapitata.

12enne violentata e decapitata

Quello di Liga è solo uno dei tanti casi di stupro e omicidio brutale in India.

Tra le vittime ci sono, sempre più spesso, anche bambine. Nel mese di marzo, riporta Fanpage, una 12enne è stata violentata e decapitata dai suoi tre fratelli e da uno zio nel distretto di Sagar, in Madhya Pradesh. Il suo corpo è stato abbandonato in un campo poco lontano dalla sua abitazione.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.