“Sono figlio di un prete italiano, voglio parlare con il Papa”
Esteri

“Sono figlio di un prete italiano, voglio parlare con il Papa”

Figlio prete italiano
Figlio prete italiano

"Sono cresciuto sentendomi nella famiglia sbagliata. Spesso piangevo, mi vergognavo perché ero diverso da tutti gli altri bambini".

Gerald Erebon, un uomo di 30 anni originario del Kenya, ha chiesto di poter incontrare il pontefice dopo aver scoperto di essere figlio di un sacerdote. “Sono figlio di un prete italiano, voglio parlare con Papa Francesco“, ha dichiarato, citato dall’Ansa. Poi ha spiegato: “Mio padre è un missionario della Consolata. Ci sono persone pronte a testimoniarlo, ma lui non vuole saperne. Non si è mai sottoposto al test del Dna per colpa dei suoi superiori, che vogliono solo allungare l’attesa. Il Papa dovrebbe conoscere qual è la realtà di chi è figlio di un prete cattolico”.

Figlio di un missionario cattolico

Quando è nato, la madre Sabrina (morta 36enne per le conseguenze dell’abuso di alcol) aveva solo 17 anni. All’epoca lavorava come cuoca per la parrocchia di Archers Samburu, nella contea di Samburu. Quando non potè più nascondere la sua gravidanza, padre Mario, il sacerdote della parrocchia, venne trasferito e sostituto senza alcuna spiegazione. Gerlald è cresciuto con la convinzione che proprio quel prete italiano fosse su padre, ma a pensarlo erano anche tutti gli abitanti del villaggio.

Per anni, inoltre, la Consolata ha provveduto a pagargli gli studi. Ma ora che il contributo è venuto meno “ho aperto una pagina su GoFundMe. Spero che qualcuno possa contribuire alla mia raccolta fondi per proseguire gli studi”.

“Mi vergognavo, ero diverso”

L’infanzia di Gerald non è stata costellata di difficoltà. Fin da bambino è stato vittima di bullismo a causa del suo aspetto: “Ero molto diverso dai miei fratelli e dai miei parenti. Ero un ragazzo di razza mista, con un differente colore della pelle e di capelli, con tratti diversi dai bambini del villaggio e delle scuole che ho frequentato… persino in casa mia. Sono cresciuto sentendomi nella famiglia sbagliata. Spesso piangevo e mi azzuffavo a scuola e nel villaggio. Mi vergognavo perché ero diverso da tutti gli altri bambini”. L’uomo ha inoltre raccontato di aver più volte incontrato don Mario, oggi 84enne, ma che nessuno di questi incontri si è rivelato utile per risalire alla verità.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.