Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Bimba di 4 anni in ospedale con la febbre alta: i medici scoprono lo stupro
Esteri

Bimba di 4 anni in ospedale con la febbre alta: i medici scoprono lo stupro

In Argentina i medici scoprono uno stupro su una bimba di quattro anni dopo una visita per una febbre alta.

Una bimba di appena 4 anni è stata portata all’ospedale dalla mamma per una febbre che non passava da giorni. Qui si scopre la verità. L’orrenda verità: la bambina è stata violentata.

La ricostruzione

A Mendoza, in Argentina, quello che è successo nell’ospedale locale ha lasciato senza parole i medici. Una bimba di quattro anni è stata accompagnata dalla mamma, una donna di 27, al pronto soccorso per una febbre alta, che da giorni non dava segni di miglioramento. Dopo alcune visite più dettagliate infatti, i medici hanno trovato un dettaglio fondamentale: nell’urina della bambina erano presenti tracce di sperma. L’equipe ha prontamente avvertito le autorità competenti e dopo un accertamento sono partite le indagini.

Dopo qualche ora, il pubblico ministero a capo delle indagini ha disposto l’arresto di un uomo, che stando alle prime ricostruzioni, dovrebbe essere un familiare della bimba.

Casi simili

Un’altra vicende orribile con la stessa trama e lo stesso epilogo si è consumata a Brescia ad Aprile 2019.

Una bimba di 3 anni è stata violentata dal cugino dei genitori della vittima. L’uomo ha approfittato di una distrazione dei genitori, per rinchiudersi in camera con la bimba. Poi le urla, i genitori si accorgono di quello che stava succedendo e si precipitano in camera. La bimba piange, lamenta dolore alle parti intime e anche in questa occasione perde sangue dalle urine.

L’uomo scappa ma viene raggiunto dagli agenti, prontamente avvertiti dal padre della vittima e viene arrestato nonostante i tentativi di resistenza.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche