Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Argentina, per promuovere il suo album lancia pesos tra la gente
Esteri

Argentina, per promuovere il suo album lancia pesos tra la gente

Un cantante in Argentina ha deciso di promuovere il suo album lanciando quantamila pesos tra la gente della sua città.

Una trovata pubblicitaria a doppio taglio. Matias Nievas per pubblicizzare il suo nuovo album ha deciso di donare quarantamila pesos alla sua città. L’artista ha lanciato per aria biglietti di vario taglio nel bel mezzo di una via.

L’omaggio

Matìas Nievas è un compositore e cantante pop latino argentino, originario di Mendoza in Argentina, ma residente a Barcellona. A seguito della firma di un importante contratto discografico, l’artista ha deciso di rendere omaggio alla sua gente, la sua città regalandogli quarantamila pesos. Il cantante ha preso un volo dalla Catalogna all’Argentina con una valigia colma di denaro e una volta raggiunta la destinazione ha iniziato a lanciare per aria biglietti di tagli differenti. 20,50 e 100 pesos per un totale di quarantamila.

La gente è rimasta incredula davanti a tale scena, si è commossa, ha ringraziato l’artista e perfino Dio per i doni che arrivavano dal cielo.

L’artista ha commentato l’accaduto dicendo che sa cosa significa vivere in povertà e non c’è niente che lo rende più felice ora di lavorare facendo ciò che ama.

Per questo ha deciso di condividere la sua felicità e la sua “fortuna” con la sua gente.

La beffa finale

L’artista ha inoltre dichiarato che oltre i quarantamila trasportava con sé un’altra valigia contenente altri trentamila pesos. Denaro sostanzialmente sparito nel bel mezzo della cerimonia. Qualcuno ha approfittato del chiasso e dell’euforia della gente per accaparrarsi un bottino molto più grosso dei biglietti svolazzanti per aria.

Una trovata pubblicitaria a sfondo sociale ma anche molto astuta, poiché ha assicurato al cantante un futuro pubblico molto riconoscente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche