Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Florida, incidente mortale per Francesco Vitagliano e Bruno Di Cosimo
Esteri

Florida, incidente mortale per Francesco Vitagliano e Bruno Di Cosimo

incidente florida
incidente florida

I tre amici stavano passando le vacanze in Florida. Purtroppo i due motociclisti hanno perso la vita e l'amico testimone è sotto shock.

Francesco Vitagliano e Bruno Di Cosimo sono i due motociclisti torinesi morti a seguito di uno scontro con un tir. Bruno aveva 55 anni ed era proprietario di un atelier di moda in via Bligny. Francesco, invece, era un 45enne titolare di un negozio di lampadari. Il terzo amico che si trovava in vacanza con loro è uscito illeso dallo scontro avvenuto giovedì mattina. La polizia stradale sta indagando sul caso, ma al momento non ci sono provvedimenti contro l’autista del tir.

La ricostruzione

I due motociclisti si trovavano a Ocala nella contea di Marion e stavano percorrendo, insieme a Paolo il terzo amico, l’interstatale 75 da nord a sud. Il traffico era già bloccato per un precedente incidente: così i tre amici appassionati di moto di States avevano cominciato a rallentare. Purtroppo, però, Bruno e Francesco hanno perso il controllo delle loro Harley Davidson. Il primo a scivolare e cadere sull’asfalto è stato Bruno, mentre Francesco, nel tentativo di evitare di investire il compagno di viaggio, è stato sbalzato dalla sella.

Nel frattempo sulla strada sopraggiungeva un tir che ha investito entrambi gli amici. L’autista del tir, un uomo di 66 anni, ha raccontato lla stampa locale: “Ero nella corsia di destra e me li sono trovati davanti, ho provato a evitarli ma li ho colpiti entrambi”. Paolo, invece, il terzo amico, ha assistito direttamente alla morte dei compagni e nonostante sia uscito illeso dall’incidente ora si trova sotto shock.

La moglie della vittima

Antonella, moglie di Francesco ha raccontato: “La sua passione era il sogno americano. Era un grande esperto di moto e di Harley e un grande amante degli Stati Uniti. Per lui la moto era una parte di cuore, una parte di famiglia, una parte di vita. Sino alla fine”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Laura Pellegrini 612 Articoli
Classe '98, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Da sempre curiosa e attenta ai fatti di attualità, spera di costruirsi (in futuro) un nome nel giornalismo politico. L'ambizione è quella di lavorare nelle istituzioni europee, ma per ora prosegue gli studi di Comunicazione e Società all'Università di Milano.