New York, stupra e uccide la figlia di 8 mesi: rischia l’ergastolo
Esteri

New York, stupra e uccide la figlia di 8 mesi: rischia l’ergastolo

uomo uccide figlia

Cody Franciscovich, 25enne di New York, ha stuprato e ucciso la figlia di 8 mesi: dopo l'arresto, ha ammesso di essere colpevole.

Dopo aver violentato la figlia di 8 mesi, l’ha uccisa e ha gettato il cadavere nel lago del cimitero. Cody Franciscovich, newyorkese di 25 anni, è stato arrestato dopo che la polizia ha ritrovato il cadavere della piccola. Ora l’uomo aspetta il processo: potrebbe anche essere condannato all’ergastolo.

L’uccisione della piccola

Secondo ciò che ha riferito il Daily Mail, la figlia di Cody Franciscovich aveva 8 mesi e si chiamava Ruby. La piccola viveva da un paio di mesi con sua mamma, il papà e i due fratellini in un motel per una ragione ancora misteriosa. Un giorno l’uomo si è allontanato dal resto della famiglia e ha portato con sé la la bambina, per un motivo ancora non chiarito. Ha stuprato Ruby e l’ha uccisa. Per liberarsi del compromettente cadavere, l’uomo ha pensato bene di gettarlo nel laghetto del cimitero. Alcuni passanti si sono accorti del corpo della piccola e hanno chiamato i soccorsi.

Dopo essersi recati sul posto, gli agenti della Polizia hanno provato a rianimarla mentre arrivavano le ambulanza, ma purtroppo era già morta e non c’è stato niente da fare. I poliziotti sono riusciti a trovare il padre e lo hanno arrestato. L’uomo ha già confessato e ora attende di essere processato. Come pena per il reato compiuto potrebbe essergli dato l’ergastolo. I due fratellini della piccola Ruby sono stati dati in affido e ora è in corso l’indagine per capire se anche la mamma era complice dell’omicidio. Nel cimitero dove la bimba è stata ritrovata, è in programma una veglia commemorativa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.