Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Cede al piccione un pezzo di salsiccia: multata badante inglese
Esteri

Cede al piccione un pezzo di salsiccia: multata badante inglese

Piccione multa

Non ha rispettato l'ambiente la badante inglese multata per aver dato un pezzo di salsiccia ad un piccione. E' salata la cifra da pagare

Sono tante le città (italiane e non) che senza esitare hanno accolto l’ordinanza secondo cui dar da mangiare ai piccioni implica una (cospicua) sanzione monetaria. I volatili -associati a condizioni igieniche discutibili, sono il must have delle piazze più belle delle città italiane: da piazza San Marco a Venezia a piazza Duomo a Milano, i piccioni fanno slalom tra i turisti che, di tanto in tanto, lanciano loro briciole del proprio pasto. Ha fatto lo stesso Sally Ann Tricken, la donna inglese multata a Bath per aver dato un pezzo di salsiccia ad uno dei volatili.

Piccione carnivoro

Sally Ann Tricken è la badante che dovrà pagare una somma totale di 170 euro per aver dato da mangiare a un piccione. Era con sua figlia a fare shopping quando le due hanno deciso di prendersi una pausa (pranzo) e mangiare un panino con la salsiccia sedute a una panchina. Quasi subito un piccione si è avvicinato e -a meno che non gliel’abbia proprio chiesto in chissà quale lingua- la donna, di sua spontanea volontà, ha ceduto al volatile un pezzetto di salsiccia.

Senza neanche ringraziare, il piccione è andato a godersi il boccone in solitaria.

L’agente della polizia giunto dalla signora non le ha certo riservato un applauso per il bel gesto -l’ha anzi multata accusandola di aver mancato di rispetto all’ambiente. In Italia casi simili si sono verificati al Nord e più nel dettaglio ad Alessandria dove una ragazza è stata multata per aver dato un cracker ad un animale ritenuto piuttosto sporco -e a giudicare dalla sanzione, vero è che entrambe le donne l’hanno fatta davvero sporca.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche