×

Michael Jackson, ecco cosa c’era nella stanza dov’è stato trovato

A dieci anni dalla morte di Michael Jackson, il Regno Unito trasmette un documentario. Tre detective raccontano cos'hanno trovato nella sua stanza

michael jackson

A dieci anni dalla sua morte continuano a venire a galla verità, quelle che sono state tutte raccontate sabato 22 giugno 2019 quando nel Regno Unito è andato in onda il documentario “Killing Michael Jackson”. Il re del pop si era spento il 25 giugno 2009 nel suo rench di Neverland esattamente dieci anni fa. Una scomparsa che molti fanno ancora fatica a realizzare. Il documentario mette al centro le dichiarazioni dei tre poliziotti che per primi fecero irruzione nella stanza dove Michael Jackson venne trovato privo di vita: Orlando Martinez, Dan Myers e Scott Smith, i detective della polizia di Los Angeles

In disordine

Nel documentario “Killing Michael Jackson” i tre raccontano che quella camera del rench di Neverland era un vero disordine: post it, frasi e ogni genere di pensiero attaccato alle pareti e agli specchi (un’infinità di specchi), pubblicità che ritraevano dei bambini, una bambola che sembrava quasi vera: “la stanza in cui veniva trattato, non sembrava una stanza adatta a nessun tipo di trattamento medico” dice uno di loro.

I tre detective hanno anche rivelato qualcosa a proposito della famosa borsa del dottor Murray, il medico di Michael Jackson che venne condannato a due anni di carcere -già scontati.

Avevano trovato tante medicine, tra cui alcune ben poco indicate, ma non avevano trovato tracce di aghi o bottiglie vuote che avrebbero invece dovuto trovarsi in quella stanza. Ed ecco che i sospetti su erano subito riversati sul dottore. Resta vivo il ricordo di Michael Jackson a dieci anni dalla scomparsa -ma si sa che lui e la sua musica resteranno comunque immortali.

Nata a Trinitapoli (BAT), classe 1994, è laureta in "Comunicazione, media e pubblicità" presso la IULM. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Giorgia Giuliano

Nata a Trinitapoli (BAT), classe 1994, è laureta in "Comunicazione, media e pubblicità" presso la IULM. Collabora con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche