×

Spagna, medusa Man O’War attacca 7 bagnanti: divieto di balneazione

Divieto di balneazione in tre spiagge sulla Costa Blanca, nei pressi della città spagnola di Benidorm. Avvistati infatti banchi di Man O'War.

medusa

L’estate è appena iniziata ma sulle spiagge di Benidorm, famosa città sulla costa spagnola, regna la paura. Negli ultimi giorni infatti sette bagnanti sono stati punti dalla terribile medusa Man O’War (detta anche Caravella portoghese e/o Physalia physalis). Le autorità hanno così temporaneamente imposto il divieto di balneazione.

Chiuse tre spiagge

In realtà la Man O’War non è una medusa ma un sifonoforo, cioè invertebrati marini che vivono in colonie e funzionano come singoli organi di organismi cellulari. La Caravella portoghese nel dettaglio è formata da una colonia di quattro polipi e meduse.

Questo organismo è quindi dotato di tentacoli capaci di punture molto dolorose e pericolose per l’uomo, alcune delle quali letali. Ecco perché le autorità hanno deciso, domenica 23 giugno 2019, di chiudere temporaneamente tre spiagge nella località di villeggiatura della Costa Blanca.

Gli avvistamenti

Sette persone infatti sono state punte dalla Man O’War e cinque di loro sono dovute ricorrere alle cure mediche, anche se nessuno sarebbe in pericolo di vita.

Il primo avvistamento del “banco” di meduse è avvenuto sulla spiaggia di Mal Pas, insenatura presente tra le principali spiagge della città di Benidorm.

Le Physalia physalis sono state poi viste nei pressi della famosa Rena di Levante. La bandiera rossa è stata issata però anche sulla Rena di Ponente.

“Abbiamo agito rapidamente e diligentemente, ed il divieto di balneazione rimarrà in vigore fino a quando non ci saranno più Man O’War in acqua” spiega Monica Gomez, consigliere per le spiagge di Benidorm come riporta The Mirror.


Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Paola Marras

Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .

Leggi anche