×

Uomo salva medusa gigante a mani nude: nessun danno collaterale

Era rimasta arenata sugli scogli, ma un uomo ha usato una particolare strategia per mettere in salvo l'animale senza correre alcun rischio

medusa gigante
medusa gigante

Senza grandi difficoltà e sprezzante del pericolo, un uomo ha salvato una medusa gigante rimasta arenata sugli scogli della riva e impossibilitata a prendere il largo. Il 34enne l’ha rimessa in salvo completamente incurante dei rischi: senza protezioni ha afferrato a mani nude l’animale, aiutandolo a liberarsi dalle rocce.

Salva a mani nude una medusa gigante

Senza alcun danno e senza paura ha aiutato una medusa gigante che aveva difficoltà ad arrivare al largo. L’uomo, un trentaquattrenne, ha liberato dagli scogli l’animale semplicemente toccandogli la “testa” e prestando massima attenzione a non toccare i suoi tentacoli velenosi. Così l’operazione, per quanto delicata, è andata a buon fine: la medusa è stata rimessa in salvo e per l’uomo nessun danno collaterale.

“Le meduse si spostano verticalmente, quindi possono stare in superficie e possono scendere sul fondo.

Sono animali che si muovono. Non ci sono regole predefinite: le trovi ovunque. Perché le meduse sono parte del plancton e si spostano con la corrente. Possono nuotare, ma non riescono a contrastare il moto delle correnti”. E’ questa l’ottima spiegazione fornita da Ferdinando Boero, biologo marino dell’Università del Salento, e riportata da Focus.it. Per questo motivo, i molti bagnanti e i turisti appassionatissimi delle spiagge paradisiache devono stare allerta: se guardando il mare notiamo qualche medusa, l’unica soluzione per ridurre al minimo ogni rischio è non tuffarci in acqua. Infatti, non sono le meduse a venirci incontro e attaccarci: siamo noi che, talvolta inconsapevolmente, andiamo incontro alle meduse.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche