Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Londra, Uber driver fermato dopo aver guidato l’auto nella stazione
Esteri

Londra, Uber driver fermato dopo aver guidato l’auto nella stazione

auto stazione londra

La foto dell'auto all'interno della stazione ha fatto subito il giro del web ed in molti hanno lasciato un commento contro Uber.

Un Uber driver ha guidato la sua auto all’interno di una stazione ferroviaria di Londra, in Inghilterra. L’immagine di quanto successo ha subito fatto il giro del web e, inevitabilmente, sono iniziati i primi commenti da parte degli utenti. L’autista è stato etichettato dal web come un “idiota Uber senza cervello”. Altri hanno addirittura accusato la Transport for London di “fornire permessi di noleggio privati ​​a chiunque”. Nessuno di loro, però, sapeva la ragione di tale atto.

E’ stata la British Transport Police (BTP) a svelare il motivo che ha spinto il guidatore verso l’inusuale percorso: l’Uber Driver è entrato in stazione con l’auto perchè minacciato dal suo passeggero. L’autista ha guidato nell’atrio della stazione perchè ha avuto paura per la sua sicurezza.

Nessun arresto

L’auto, una Toyota Prius, si trovava all’interno della stazione di Barking nella zona est della capitale inglese. Un portavoce della BTP non ha rivelato dettagli su quanto sia accaduto all’interno dell’auto e quindi la ragione che ha spinto l’autista a comportarsi in quel modo.

La portavoce ha però confermato che non sono stati effettuati degli arresti.

La BTP ha dichiarato: “Alle 12.20 di ieri (lunedì 24 Giugno 2019, ndr), gli agenti sono stati chiamati alla stazione di Barking dopo che sono pervenute delle notizie riguardante un taxi guidato e parcheggiato nell’atrio della stazione. All’arrivo, è stato riferito che l’autista del taxi era stato minacciato dal suo passeggero e, temendo per la sua sicurezza, ha poi guidato lentamente il suo veicolo nella stazione“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche