Chiuso il G20 a Osaka, tregua tra Trump e Xi
Esteri

Chiuso il G20 a Osaka, tregua tra Trump e Xi

trump xi

Sulla questione Huawei, Trump: "Compagnie Usa possono vendere attrezzature a Huawei lì dove non ci sono problemi con la sicurezza nazionale"

Le maggiori potenze mondiali si sono riunite a Osaka, ma gli incontri tra i leader sembrano non testimoniare un clima di distensione, come confermato anche dal comunicato finale che parla di “tensioni commerciali e geopolitiche intensificate” sulla sfondo del conflitto sui dazi tra gli Stati Uniti e la Cina. Proprio quest’ultima disputa, però, sembra giunta ad un punto di svolta e ad una tregua. Si tratta della seconda in 7 mesi ed entrambe le nazioni si sarebbero impegnate a riprendere i negoziati. “Per il momento non alzeremo i dazi sulla Cina – ha spiegato Trump in conferenza stampa -. Lavoreremo con loro, negozieremo e inizieranno a spendere soldi, molti soldi, per prodotti agricoli e cibo americani. Lo faranno quasi subito, già durante i negoziati”. Poco dopo la chiusura del vertice , sul profilo Twitter del tycoon è comparso un messaggio: “Io non ho fretta, ma le cose sembrano andare molto bene

Sorpresa Huawei

Sembra proprio che il G20 si sia chiuso con una risoluzione anche alla questione Huawei, che potrebbe tornare ad acquistare prodotti dai fornitori americani.

“Le compagnie Usa possono vendere attrezzature a Huawei lì dove non ci sono grandi problemi con la sicurezza nazionale – ha spiegato Trump -. Una cosa che consentirò e che sorprenderà molte persone, è che vendiamo a Huawei un ammontare enorme di parti utili per i prodotti che fanno” ha chiuso, cercando di evitare le domande pungenti dei giornalisti.

Tutti contro l’America

Stando a quanto emerso dal comunicato conclusivo, ci sarebbe una netta divisione tra gli Usa e le altre grandi potenze su due temi principali: commercio e cambiamenti climatici. In particolare, su quest’ultimo tema, gli Stati Uniti sarebbero stati l’unica nazione mostratasi contraria alla sottoscrizione dell’impegno per attuare pienamente l’accordo di Parigi.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Antonella Ferrari
Classe 1995, lodigiana di nascita, grande appassionata di danza, sport e viaggi. Laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano, coltiva da sempre l’interesse per il giornalismo. Dopo aver svolto uno stage nella redazione di un quotidiano locale, da ottobre 2018 collabora con Entire Digital Publishing in qualità di redattrice per Notizie.it.