Morto fumettista Mordillo: aveva 86 anni
Esteri

Morto fumettista Mordillo: aveva 86 anni

mordillo

Il fumettista argentino Guillermo Mordillo Menéndez, conosciuto in tutto il mondo, è morto a 86 anni a Minorca.

E’ morto all’età di 86 anni Guillermo Mordillo Menéndez, fumettista argentino noto in tutto il mondo per i suoi animali stravaganti ed espressivi. Secondo quanto è stato riferito da El Pais, è deceduto nella notte del 30 giugno nella sua casa a Minorca, in Spagna: poche ore prima aveva avuto un malore mentre si trovava a cena con i suoi familiari in un ristorante vicino a Palmanova.

La carriera di Mordillo

Nato da una famiglia di emigrati spagnoli in Argentina, Mordillo si è appassionato al disegno quando aveva solo dodici anni. A 18 anni iniziò a occuparsi delle illustrazioni di libri per infanzia. Dopo essersi laureato in illustrazione, dal 1955 al 1960 andò a vivere in Perù e poi a New York. Nella Grande Mela ha lavorato per gli studi della Paramount come disegnatore per alcuni cortometraggi animati, tra cui l’amatissimo Braccio di Ferro e Little Lulu. Dopo essersi trasferito a Parigi, giunse alla notorietà in tutto il mondo per il suo umorismo muto e gli animali buffi, che fecero la storia degli anni ’70.

I suoi disegni sono molto riconoscibili e si vedono spesso su puzzle, diari e poster. Caratteristiche dello stile di Mordillo sono i colori vivaci e un forte senso dell’umorismo, con cui rappresenta i suoi personaggi, per lo più animali dagli occhi enormi, ad esempio elefanti tondeggianti o giraffe dal lungo collo. Nella capitale della Francia ha collaborato anche a Paris Match, in seguito alla tedesca Stern e alla televisione. Nel corso della sua carriera, ha ricevuto tanti riconoscimenti: il Phoenix Prize of Humor nel 1973, il Yellow Kid Award nel 1974, il Nakanoki Prize nel 1977, il Cartoonist of the Year del Salone Internazionale dell’Humor di Montréal nel 1977.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.